rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Politica Centro storico / Piazza Dante

Bezzi: "La Corea non ha mai attaccato nessuno" poi specifica "la libertà non è negoziabile"

Bezzi su facebook: "Il mio richiamo critico alla propaganda operata da ambo i lati non può essere altro che un auspicio per il raggiungimento quanto più tempestivo di un clima più disteso tra le parti"

"Tutti a scandardizarsi della Corea del Nord che nessuno conosce ed ha mai visitato e nulla sulla Turchia che fa danni maggiori all'Europa? nessuno dice nulla?". Questo è solo l'ultimo di una serie di post pubblicati dal consigliere di Forza Italia Giacomo Bezzi sul proprio profilo facebook riguardo alla situazione in Corea del Nord. Ora che gli occhi del mondo sono puntati sul piccolo Stato asiatico Bezzi ha rispolverato alcune foto ed alcune considerazioni fatte durante il viaggio oganizzato "dall'amico Razzi", come scrive lui stesso, nel 2014. 

"Sono stato in corea del Nord e sinceramente e' tutto diverso da come viene descritto dall'occidente!
1) Non hanno mai attaccato nessuno negli ultimi 100 anni solo propaganda interna.
2) Non ho visto nessun povero per la strada e nessuno a chiedere la carita come in europa tutti hanno un lavoro e una casa.
3) Sono stati invasi e si sono difesi 70 anni fa scavando dei buchi o tane nel terreno.
Concludo che la propaganda occidentale e' sicuramente discordante dalla realta' che si vive in quel paese.
Poi che sia un sistema militare rigidissimo sui diritti civili e le liberta' e' vero ma anche in Egitto si stava meglio con Mubarak o in Libia e gli occidentali Francesi e Inglesi con complice il Presidente comunista Napolitano hanno fatto uno scempio!!" 

Tanto è bastato per sollevare le reazioni del popolo del web, e di molti dei suoi sostenitori. "Ma come? Il consigliere di quelli che fu il Popolo delle Libetà difende un egime comunista dalla propaganda occidentale?". E' lo stesso consigliere ad aggiusttare il tiro,  sempre su facebook: "In merito alle mie dichiarazioni rilasciate, peraltro a titolo personale, in seguito al viaggio da me compiuto in Corea del Nord, tengo a precisare alcuni concetti per evitare strumentalizzazioni ed interpretazioni errate del mio pensiero. Quanto ho affermato sulla Corea del Nord risponde esattamente alla realtà da me riscontrata in termini di luoghi, strutture e servizi.
Per quanto riguarda invece tematiche di altra natura, che peraltro né mi competono, né sono state oggetto della nostra visita, non posso che concordare con la Comunità internazionale e con coloro che per sensibilità ed esperienza seguono da decenni il contesto specifico nel condannare sempre ogni forma di dittatura in quanto tale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bezzi: "La Corea non ha mai attaccato nessuno" poi specifica "la libertà non è negoziabile"

TrentoToday è in caricamento