menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Area ex Cederna a Pergine, le domande senza risposta

Il fututo per l'area non è chiaro. I tempi sono incerti e molte domande sono ancora senza risposta, in particolare quelle contenute in un'interrogazione di Luca Zeni (Pd) depositata in consiglio provinciale

Il fututo per l'area Cederna a Pergine non è chiaro. In previsione c'è la riqualificazione urbanistica della zona, che però stenta a decollare. I tempi sono incerti e molte domande sono ancora senza risposta, in particolare quelle contenute in un'interrogazione di Luca Zeni (Pd) depositata in consiglio provinciale il 18 novembre 2011.  Un atto politico che non ha ancora ricevuto risposta scritta, come prevede il regolamento del consiglio. 

Nel 2003 la fabbrica perginese Cederna, fondata nel 1961 come “Manifatture Perginesi”, chiudeva definitivamente, lasciando un’area di 25.243 metri quadrati con piazzali e capannoni. Venne subito dopo costituita la società Pergine Sviluppo spa, controllata dagli artigiani attraverso l'Associazione e la Cooperativa di garanzia (30% la prima, 20% la seconda), partecipata dal Comune (25%) e dalla Cassa Rurale di Pergine (25%), la quale in seguito ha ceduto la sua quota  all’Associazione Artigiani e Piccole Imprese, che quindi ora detiene il 75% delle azioni. 
 
Pergine Sviluppo spa acquistò l’area, a destinazione produttiva-terziario-residenziale, per un importo di circa 4 milioni di euro. Il progetto per l’edificazione dell’area prevedeva la divisione in tre comparti: 15.000 mq per i moduli produttivi, tra i 4.000 ed i 5.000 mq per esposizioni e negozi, circa 3.000 per area residenziale. Si prevedevano 80 mila metri cubi destinati alle attività produttive, 28 mila metri residenziali, 20 mila per attività commerciali e 120 mila metri cubi seminterrati, buona parte destinati a parcheggi.
 
Il tutto completato da adeguati interventi di urbanizzazione con la realizzazione anche di una nuova strada di collegamento con viale dell'industria. Tuttavia i lavori hanno subito sin dall’inizio un rallentamento sensibile, inizialmente per motivi legati all’iter autorizzatorio, successivamente per la presenza di arsenico nel terreno da smaltire. 
 
L’importo totale dell’operazione di riqualificazione urbanistica risulta essere di circa 66 milioni di euro. Nel progetto iniziale venivano previsti prezzi di vendita molto alti, circa 1.300 euro al metro per i capannoni, circa 3.000 euro al metro per il residenziale; prezzi decisamente alti anche in caso di previsione di crescita economica forte, cosa che come sappiamo non è avvenuta. Purtroppo dal 2003 sono cambiate molte cose. Molte imprese hanno cessato la propria attività o si sono spostate, e la richiesta di spazi per attività produttive o artigianali pare essersi ridotta parecchio; nella zona risultano essere presenti numerosi spazi vuoti, e dovrebbe essere in procinto di essere avviata la fase di realizzazione dell’area Fosnoccheri, a poche centinaia di metri di distanza dall’ex Cederna.
 
Negli ultimi mesi il comune di Pergine ha cercato in due occasioni di vendere le proprie quote, ma il bando è andato deserto in entrambe le occasioni. Secondo alcune fonti si apprende che Pergine Sviluppo (nel frattempo passata da società per azioni a società a responsabilità limitata) avrebbe accumulato un passivo di oltre 8 milioni di euro (3.950.000 euro per l’acquisto terreni,  1.200.000 euro per la bonifica dell’area, 260.000 euro all’anno per interessi sul mutuo e gestione).
 
Le domande di Zeni alla giunta provinciale
Qual è il reale stato delle cose, in considerazione della rilevante importanza di quell'area per il futuro di Pergine Valsugana?
 
Sono state svolte sul territorio indagini tra gli operatori per conoscere il reale interesse verso quest’area produttiva? E quale è stato l’esito?
 
Qual è reale interesse della Provincia e/o di Trentino Sviluppo in considerazione del fatto che a Pergine Valsugana c'è già il BIC-polo tecnologico e l’area Fosnoccheri?
 
Esistano trattative di Pergine Sviluppo con la Provincia e/o con Trentino Sviluppo?
 
Si ritiene compatibile un impegno ad acquistare da parte di Trentino Sviluppo dopo la realizzazione – l'Associazione Artigiani ha più volte evidenziato l'intento di affidare i lavori edili ad aziende artigiane, direttamente incaricate -  con la destinazione pubblica delle aree produttive? 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento