Appalti pubblici: Trento e Bolzano verso una normativa comune

Una normativa comune per incentivare le realtà della provincia confinante rispetto a quelle extra-regionali negli appalti pubblici: non solo opere strutturali, ma anche forniture di beni e servizi. Il primo passo ieri con la firma del protocollo d'intesa

Trento e Bolzano verso normative comuni sugli appalti pubblici: non solo opere strutturali, ma anche forniture e servizi. Il primo passo è stato compiuto ieri con la firma di un protocollo d'intesa da parte del presidente della provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher e l'assessore alle infrastrutture e all'ambiente della provincia autonoma di Trento mauro Gilmozzi.

Tra gli obiettivi dell'accordo figurano la semplificazione degli iter burocratici per tutti gli appalti pubblici, l'intento di favorire la filiera corta e quindi le realtà regionali (in modo che la provincia confinante sia preferita a realtà extra-regionali), la salvaguardia dell'ambiente e le esigenze occupazionali territoriali. Al protocollo d'intesa seguirà la formazione di un Tavolo tecnico composto dai dirigenti delle due province competenti per ciascun ambito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

Torna su
TrentoToday è in caricamento