menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto via facebook: Claudio Cia

foto via facebook: Claudio Cia

Sanità: seduta calda in consiglio e "spuntano" sei nuovi anestesisti

Seduta calda in consiglio provinciale per le comunicazioni della Giunta sulla riduzione del servizio notturno e la chiusura dei punti nascita negli ospedali periferici. L'assessore Luca Zeni ha annunciato l'assunzione di sei nuovi anestesisti

Con sei nuovi anestesisti si riuscirà a riaprire quanto prima i servizi di pronto soccorso, sospesi neglio  ospedali periferici di Tione, Arco, Borgo  e Cavalese, nelle giornate di sabato e domenica. E' la novità comunicata dall'assessore Luca Zeni nel  corso della  seduta particolarmente "calda" di oggi pomerigigo  in consigllio provinciale dedicata alla sanità. I sei anestesisti  in questione, ha  spiegato Zeni, non rientrano tra le nuove assunzioni per le quali la Giunta ha stanziato, all'indomani dell'entrata in  vigore delle nuove norme sui turni di lavoro, 9 milioni di euro.

Sono sei assunzioni derivanti da bandi precedenti. Le minoranze insorgono accusando assessore e Giunta di essere stati colti alla  sprovvista da una legge che si aspettava da anni. "Si aspettava anche la deroga" insiste Kaswalder (Civica Trentina) oppure "si è voluto proseguire il piano di chiusure avviato da Rossi quando era assessore alla sanità" sostiene Fugatti (Lega Nord). "Le forme di flessibilità preoccupano, andare a cercare scappatoie non è una strada adeguata, non vorrei essere il  paziente che viene operato da un chirurgo  alla 49esima ora di lavoro" ha detto il consigliere del Movimento Cinque Stelle Filippo Degasperi. 

Nuovi anestesisti a parte resta il problema dei punti nascita, chiusi  dalle 18.00 alle 8.00. Una questione spinosa perchè riguarda emergenze in un certo  senso "prevedibili", ma la decisione, ha detto Zeni, spetta  all'ostetrica, che  può indirizzare la partoriente verso gli ospedali di Trento, Rovereto e Cles, dove il  servizio è garantito sulle 24 ore, oppure fare appello alla"flessibilità"  invocata anche dal direttore dell'azienda sanitaria Flor. "Se l'operazione è in corso medici e infermieri si fermano  annche oltre il turno, è così che  vanno le cose negli ospedali" conclude l'assessore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento