Gomme invernali: l'obbligo scatta a metà novembre

Dal 15 novembre al 15 aprile, per legge, tutti gli autoveicoli devono essere muniti di pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio o catene da neve

Scatterà il 15 novembre l'obbligo. Come ogni anno in questo periodo, le gomme estive della propria auto devono essere cambiate con quelle invernali. Tale obbligo, previsto dal Codice della Strada attualmente in vigore, stabilisce che dal 15 novembre al 15 aprile tutti i veicoli debbano essere «muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio». 

Non sono previste proroghe per gli inadempienti entro la data del 15 novembre 2020. Le scelte adottate dal singolo possono riguardare la dotazione di gomme invernali (ritenuta la soluzione più affidabile dagli esperti nonostante il costo maggiore), catene o calze da neve. Da domenica 15 novembre entrerà in vigore l’obbligo.

Come riconoscere gli pneumatici invernali

La testata giornalistica Today ha dedicato un approfondimento alla materia. Gli pneumatici invernali sono quelli che riportano la sigla M+S (mud+snow, letteralmente fango e neve). Generalmente, tale sigla è accompagnata dal logo di una montagna con un fiocco di neve, prova inconfutabile che ci troviamo di fronte a un pneumatico da neve e termico, che incide attivamente non solo sulla stabilità e sullo spazio d'arresto, ma anche sui consumi della propria autovettura. Tra i requisiti fondamentali delle gomme invernali, un aspetto di primaria importanza è quello relativo all'omologazione, come previsto dal Codice della Strada.

Obbligo gomme invernali: dove è valido

L’obbligo di gomme invernali o catene a bordo, è in vigore al di fuori dei centri abitati, tuttavia le amministrazioni locali possono richiederne l’obbligo anche all’interno delle zone abitate. Se si viene sorpresi a circolare sprovvisti di pneumatici invernali o dispositivi antisdrucciolevoli come catene e calze da neve, si va incontro a sanzioni amministrative da 85 euro a 338 euro (59,50 euro se pagata entro 5 giorni). Nei centri abitati dove è in vigore un’apposita ordinanza, le multe sono comprese tra i 41 euro e i 169 euro (28,70 euro se pagata entro 5 giorni).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento