Meteo: da mercoledì prima "tregua" del caldo

Nuvolosità e fenomeni temporaleschi, anche intensi, determineranno un leggero calo delle temperature

La fontana del Nettuno in piazza Duomo

I caldo che ha caratterizzato la fine di giugno in tutto il Nord Italia è destinato a finire, almeno per ora, con i primi giorni di luglio. Ecco le previsioni elaborate da Mauro Cagol, responsabile dell'osservatorio di Meteotrento.it (clicca qui) per la settimana dall'1 al 4 luglio 2019.

"Qualche accenno di instabilità a carattere locale nelle ore e nei giorni a seguire, con un netto calo termico a metà settimana. Pertanto attendiamoci una serie di giornate con il sole a tratti ancora dominante, ma con le nubi cumuliformi più insidiose rispetto a quelle spesso innocue o esili dei giorni scorsi".

"Qua e là sul territorio provinciale, senza una logica geografica, con una distribuzione non uniforme ma “a macchia di leopardo”, tenderanno saltuariamente a svilupparsi degli scrosci di pioggia, a prevalente carattere temporalesco, seguiti a loro volta da nuove schiarite. Tali fenomeni interesseranno spesso aree molto limitate del territorio, saranno di breve durata, ma la loro intensità potrebbe risultare particolarmente significativa, con il rischio, sempre localizzato, di grandine, forti precipitazioni concentrate in un breve lasso di tempo, qualche violenta raffica di vento. Se lunedì 1 e martedì 2 luglio, soffriremo ancora per l’afa opprimente, mercoledì 3 e giovedì 4 avremo temperature gradevoli".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

  • Fuga di Gpl sulla Valsugana: bloccata anche la ferrovia Trento-Bassano

Torna su
TrentoToday è in caricamento