rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Meteo piazza Duomo

Dopo la neve pericolo valanghe in quota

Dopo la nevicata di domenica torna l'allarme valanghe, ecco il messaggio di Meteotrentino.it. Sul sito, commpletamente rinnovato, è disponibile il bollettino aggiornato

Il territorio provinciale è stato interessato, nella giornata di domenica 5 novembre, dalle prime nevicate stagionali; gli spessori di neve fresca, oltre i 2200-2400 m di quota, hanno raggiunto i 50-60 cm circa mentre alle quote inferiori le precipitazioni hanno assunto carattere nevoso solo al termine della fase perturbata, nel corso della serata, con il deposito di pochi centimetri di neve al suolo.

In alta quota, specie sugli apparati glaciali, è presente un manto nevoso continuo, con spessori disomogenei e che si presenta talora stratificato, in virtù di alcuni eventi di precipitazione del mese di settembre, che avevano già portato neve con limiti di quota molto variabili. In queste localizzazioni la neve più recente non è consolidata e non ancora ben collegata al manto preesistente, contraddistinto in gran parte dalla presenza di croste da fusione e rigelo superficiali.

Oggi e nei prossimi giorni saranno pertanto possibili piccoli e medi scaricamenti di neve fresca da tutti i pendii ripidi in quota. L’esiguo spessore di neve al suolo impedisce la formazione di valanghe di dimensioni significative, ma specie lungo le zone di cresta e nei canaloni più incisi, dove la neve è stata trasportata ed accumulata dal vento, distacchi di lastroni potranno essere provocati già con debole sovraccarico (passaggio di un singolo sciatore).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la neve pericolo valanghe in quota

TrentoToday è in caricamento