Notte di neve in città

La nevicata, inizialmente debole poi via via più abbondante, si è esaurita nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 gennaio. Mezzi sgombraneve in azione in centro, dove è spuntato anche un mega-pupazzo di neve

La neve è arrivata anche in città, per la seconda volta in questo inverno. La nevicata, iniziata verso le 16.00 di domenica 27 gennaio, è terminata verso la mezzanotte, lasciando la città imbiancata. Iniziata in un primo momento con un po' di galaverna, ovvero pioggia ghiacciata, la perturbazione è diventata più abbondante in serata, per poi finire nel corso della notte, quando le temperature sono tornate di qualche grado sopra allo zero.

Neve e strade: ecco la situazione

In centro città sono subito entrati in azione i mezzi sgombraneve che hanno aperto dei passaggi per auto e pedoni, ma c'è anche chi ha pensato bene di costruire, in tempo record, un pupazzo di neve alto più  di due metri in mezzo a piazza Duomo. Una nuova perturbazione potrebbe tornare ad interessare il Trentino nella giornata di mercoledì 30 gennaio. 

"Genàr sec come i corni de 'n bec": proverbi di stagione

Inevitabili i disagi alla viabilità, fortunatamente contenuti, non solo a Trento ma in tutto il Trentino. Un incidente dovuto alla neve è  avvenuto a Carano, con due feriti non gravi,  mentre la statale 350 che collega gli Altipiani Cimbri alla Valle dell'Astico è rimasta chiusa per qualche ora, successivamente riaperta graie al lavoro dei Vigili del Fuoco volontari locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento