Lo avevamo detto!

Comunicato stampa del Coordinamento Ambientalista del Trentino sugli orsi detenuti al Casteller

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Lo avevamo detto!

Come Coordinamento ambientalista del Trentino lo avevamo già detto: le decisioni di Zanotelli e Fugatti fin da subito si sono rivelate del tutto sbagliate, sia nei confronti dell'allevamento e della pastorizia, difesi esclusivamente a parole, che dei cittadini, mai informati correttamente sui comportamenti da tenere in presenza dei grandi carnivori, che infine degli orsi stessi, irragionevolmente e falsamente accusati dei peggiori delitti (non ultimo il permettersi di difendere se stessi e la propria prole da atteggiamenti umani errati e pericolosi). Ora i nodi sono arrivati al pettine e il governo provinciale dovrà assumersene le responsabilità: hanno dovuto arrivare da lontano funzionari ed esperti, inviati dal Ministro Costa, per accertare eventuali elementi propri del maltrattamento. E indizi gravi sono emersi con tale chiarezza da indurre il Ministro a consigliare alla Giunta provinciale il rilascio sollecito delle vittime, per evitare peggiori conseguenze. Ma la protervia dimostrata fin qui, non fa ben sperare: gli orsi rimarranno segregati in condizioni inaccettabili, finché - ancora una volta! - dovrà intervenire la Magistratura a riportare la legalità in un Trentino che ha confuso l'Autonomia con l'indipendenza dallo Stato nazionale (che dire della pretesa di gestire la fauna selvatica come fosse proprietà esclusiva, benché sia invece "patrimonio indisponibile dello Stato), la disobbedienza alle leggi nazionali e internazionali (alla faccia della protezione riconosciuta a questa specie particolarmente protetta), la tracotanza. Le associazioni aderenti al Coordinamento stanno già attivandosi, perché sia garantito il rispetto delle leggi a tutela degli animali, e faranno quanto è in loro potere, per consentire ad M49, M57 e DJ3 una vita degna, liberandoli da una condizione che si può lecitamente definire "tortura".

Coordinamento Ambientalista Del Trentino: Enpa Del Trentino Lac Per Il Trentino Alto Adige/südtirol Lav Del Trentino Legambiente Circolo Di Trento Lipu Trentino Pan-eppaa Wwf Trentino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento