La terra porta bene a clacson motorsport

Al recente Rally di San Marino il team trentino è protagonista con Fantini, quinto tra le R2B, e centra la doppietta storica, in classe, con Costa, terzo assoluto, e Marafon.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Terra amica, anche in quel della Repubblica del Titano, per Clacson Motorsport, rientrata da un San Marino Rally che ha confermato l'ottimo affiatamento tra il team con base a Strigno ed i fondi bianchi a scarsa aderenza. L'edizione numero quarantotto del San Marino Rally ha consegnato il secondo risultato utile consecutivo per il locale Marco Fantini, autore di un ottimo quinto posto tra le R2B, alla guida dell'Opel Adam R2, in una classe che contava al via ben diciannove agguerriti concorrenti. Per il sammarinese, affiancato da Roberto Selva, un avvio contratto sulle prime prove speciali, ai margini della top ten, per poi cambiare passo ed infilare due quarti tempi, sulla quarta e sulla quinta, riportandosi in scia al trenino di testa e con la possibilità di ambire al podio. Una seconda metà di gara con qualche difficoltà gli faceva perdere soltanto una posizione, con la ciliegina sulla torta del secondo tempo, a 1”8 dallo scratch, sul crono di chiusura. Con questo risultato, sommato al buon quarto ottenuto nel precedente Rally Città di Arezzo, Crete Senesi e Valtiberina, Fantini rilancia la quarta piazza nella Coppa ACI Sport R2, nell'ambito del Campionato Italiano Rally Terra, occupata prima del recente fine settimana. “La costanza paga sempre in un campionato” – racconta Gonzo (titolare Clacson Motorsport) – “ed il risultato di Marco conferma questa regola. Quarto al Valtiberina e quinto qui, in classi davvero nutrite, gli permettono di giocarsi il campionato quando mancano ancora due eventi.” Clacson Motorsport ha fatto la voce grossa tra le regine del passato, centrando un perentorio terzo gradino del podio assoluto con Corrado Costa, dominante anche in classe A-J2/1600 del quarto raggruppamento, allungando così una striscia positiva che lo vedeva vincente già dal precedente Rally Storico Città di Arezzo, Crete Senesi e Valtiberina, sull'Opel Corsa GSI. In Toscana, il pilota della compagine trentina, aveva concluso con un meritato sesto posto nella generale, seguito dalla vettura gemella di Maurizio Pioner e Bruna Ugolini. Stessa musica anche all'ombra del Titano con il secondo gradino del podio che è stato occupato da Ennio Marafon, in coppia con Alberto Marcon sulla seconda Opel Corsa GSI. Con questo secondo successo consecutivo Costa, affiancato da Domenico Mularoni, consolida e rinnova le proprie ambizioni tricolori nel Campionato Italiano Rally Terra Storico. Scorrendo la provvisoria del due ruote motrici, prima dell'appuntamento sammarinese, il pilota di casa figurava al terzo posto, ad un solo punto da Pelliccioni, secondo, e ad undici dalla Lancia Stratos di Sipsz; nel quarto raggruppamento Costa accusava un ritardo di tre sole lunghezze dalla Lancia Delta Integrale di Bianchini mentre in classe il margine era già ampio. “Tra le storiche stiamo andando molto bene” – aggiunge Gonzo – “perchè Corrado, con le due ultime vittorie, è in piena corsa per tre titoli nel Campionato Italiano Rally Terra Storico. Le nostre Opel Corsa GSI si sono rivelate ottime per ogni tipo di sterrato, anche con i nostri Pioner e Marafon, entrambi al secondo posto alle spalle della nostra prima punta sammarinese.”

Torna su
TrentoToday è in caricamento