rotate-mobile
Documenti

Come rinunciare all'eredità, la guida

Tutto ciò che c'è da sapere per rinunciarvi formalmente

Avolte può capitare che ad essere ereditati non siano infatti beni monetari, mobili o immobili, ma debiti e così il 'possibile' erede cerca il modo di rinunciare. Per questo motivo, è prevista dalla legge la possibilità di rinunciarvi: ecco tutto ciò che c'è da sapere come riporta il sito del Ministero della giustizia.

Rinuncia all'eredità

La rinuncia è un atto con il quale il chiamato all'eredità dichiara di non volerla acquistare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti; in questo modo egli fa cessare gli effetti verificatisi nei suoi confronti a seguito dell'apertura della successione e rimane, pertanto, completamente estraneo alla stessa. Ne consegue che nessun creditore potrà rivolgersi a lui per il pagamento dei debiti ereditari.

Chi è chiamato all'eredità può rinunciare ad essa con una dichiarazione scritta ricevuta da un notaio o dal Cancelliere del Tribunale. Come l'accettazione, non può essere sottoposta a condizioni o termini, né può essere limitata a parte soltanto dell'eredità. In caso contrario, la dichiarazione di rinuncia è nulla e non produce effetti.

Non può essere effettuata dietro corrispettivo o a favore di solo alcuni degli altri soggetti chiamati all'eredità, in questi casi comporta l'effetto contrario, ossia l'accettazione dell'eredità. Il diritto di rinunciare all'eredità, così come quello di accettarla, può essere esercitato entro dieci anni dal giorno della morte del defunto. In caso di accertamento giudiziale dello stato di figlio, tuttavia, il termine inizia a decorrere dal passaggio in giudicato della relativa sentenza.

La rinuncia è revocabile se l'eredità non è nel frattempo già stata acquistata da altri e fino a che il diritto di accettarla non è prescritto. Decade dal diritto di rinunciare, e si considera erede puro e semplice, il chiamato all'eredità che ha sottratto o nascosto beni spettanti all'eredità stessa.

Possibilità di abbreviare il termine di dieci anni previsto per accettare o rinunciare all'eredità

Il termine può essere abbreviato attraverso l'esercizio di una azione interrogatoria. Significa che chiunque vi ha interesse può chiedere al Tribunale che sia fissato un termine entro il quale il chiamato dichiari se accetta o rinunzia all'eredità. Trascorso questo termine senza che abbia fatto la dichiarazione, il chiamato perde il diritto di accettare l'eredità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come rinunciare all'eredità, la guida

TrentoToday è in caricamento