Green Peio

In Val di Peio l'80% degli alberghi farà a meno della plastica

Dopo aver eliminato la plastica monouso dalla Skiarea, parte la fase 2 del progetto 'Peio Plastic Free'

Lanciata la fase 2 del progetto 'Peio Plastic Free'. Dopo i rifugi della Skiarea, che a novembre 2019 avevano detto addio alla plastica monouso (soprattutto bottiglie, stoviglie e bustine per salse), ora tocca ad hotel e strutture ricettive della Val di Peio. 

Nonostante il brusco (e inatteso) stop causato dal lockdown, in poco tempo l’iniziativa stava gia? producendo frutti importanti: in appena 4 mesi di progetto, e? stata risparmiata una tonnellata di plastica, pari a 6000 chili di CO2 non emessa. Una quantita? che, per essere assorbita, avrebbe richiesto l’azione di 400 alberi per un anno intero. “Quei risultati - spiega Fabio Sacco, direttore dell’Azienda per il Turismo della Val di Sole, capofila del progetto - hanno aperto gli occhi a molti e ci hanno aiutato a comprendere quanto ognuno di noi puo? fare la differenza nella strada per ridurre l’impatto del settore turistico”.

Ora protagoniste saranno le strutture ricettive della valle. Al momento sono coinvolti in 20 tra hotel e residence, due affittacamere, una casa vacanze e un campeggio. “L’80% ha gia? messo in atto le azioni richieste per essere in linea con i requisiti richiesti dal protocollo d’intesa. Due saranno in regola entro l’inizio della prossima stagione invernale e altre tre stanno gradualmente lavorando in questa direzione” precisa Sacco. “Siamo quindi fiduciosi che, da qui a pochi mesi, i turisti che sceglieranno la Val di Peio per le proprie vacanze saranno sicuri di alloggiare in ‘plastic free zone’ contribuendo cosi? a ridurre il consumo di plastica”.

Per poter ottenere il marchio 'Plastic Free Zone' le strutture ricettive hanno dovuto sottoscrivere un preciso elenco di impegni: definire un piano di azioni e di miglioramento con il supporto dell’Apt Val di Sole e del gruppo di lavoro, prediligere l’uso di oggetti riutilizzabili, eliminare il monouso, sostituendo la plastica con materiali biodegradabili e compostabili; e poi sensibilizzare i propri ospiti sulla diminuzione dell’uso della plastica, sulla corretta gestione dei rifiuti, smaltimento e prevenzione della dispersione nell’ambiente durante il loro soggiorno.

Tutte queste azioni devono essere attuate entro un preciso lasso di tempo: “In particolare - spiega Sacco - al momento della sottoscrizione del protocollo le strutture aderenti devono eliminare piatti, posate, bicchieri e cannucce monouso in plastica. Devono inoltre ridurre del 50% (in peso o in numero di pezzi) gli altri prodotti in plastica, sostituendo inoltre il packaging con materiali compostabili. Tale quota dovra? poi essere ridotta di un ulteriore 20% entro il secondo anno. Dal terzo anno, e? previsto di mantenere i livelli e una nuova verifica del piano”.

A tutto questo si aggiunge l’impegno a formare rapidamente il proprio personale interno (entro 30 giorni dalla firma dell’accordo) e a rendicontare periodicamente il proprio operato attraverso incontri specializzati a cadenza almeno annuale, partecipando inoltre agli incontri di formazione che saranno organizzati dall’Apt Val di Sole.

Il dialogo continuo e l’ascolto degli operatori turistici della valle e? stato infatti fin da subito un elemento distintivo del progetto Peio Plastic Free. “Se non l’avessimo costruita in questo modo, con un processo partecipativo fin dalle fasi della sua ideazione, l’iniziativa non avrebbe ottenuto lo stesso successo e non avremmo avuto lo stesso entusiasmo nell’aderire” ammette Luciano Rizzi, presidente dell’ApT Val di Sole.

“Il comparto turistico e? uno dei piu? danneggiati dalle chiusure causa Covid-19 e la tentazione di rimandare iniziative virtuose e lungimiranti come questa avrebbe potuto essere forse comprensibile. Qui da noi non e? successo: il fatto che i nostri operatori abbiano deciso di non rimandare questa Fase 2 dimostra che quando un progetto e? ben costruito e sono ben chiari gli obiettivi a medio e lungo termine, tutti accettano di fare la propria parte. L’amore per le nostre montagne e la consapevolezza che sono il nostro vero tesoro da tutelare al massimo - conclude Rizzi - sono state piu? forti di qualsiasi perplessita?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Val di Peio l'80% degli alberghi farà a meno della plastica

TrentoToday è in caricamento