menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Translagorai: la SAT di Cavalese chiede di ridimensionare il progetto

"Anche un'ottimistica preisione di crescita degli escursionisti non giustifica un rifugio - si legge nel documento - meglio un bivacco a Malga Stellune"

Translagorai: arrivano le prime critiche interne alla SAT. La sezione della Società degli Alpinisti Tridentini di Cavalese riunitasi  in assemblea sabato 9 febbraio ha approvato una mozione che chiede di ridimensionare il progetto, salvaguardando "uno dei pochi territori risparmiati dall'antropizzazione con un valore storico e naturalistico inestimabile".

Il principale pomo della discordia, fin dalla prima difusione del progetto, è Malga lagorai dove la Provincia, in accordocon la sede SAT centrale, ha previsto un ristorante d'alta quota, poi  trasformatosi in "bivacco custodito". 

"Non si conosce un piano di sostenibilità economica - si legge nel documento appprovato dalla SAT di Cavalese - poichè anche un'ottimistica crescita degli escursionisti non porterebbe a giustificare l'ingente investimento (750mila euro ndr) per un esercizio di ristorazione e rifugio".

"Malga Lagorai ha sicuramente necessità di essere mantenuta e ristrutturata - prosegue la nota - ma con interventi sobri e congrui. La lacuna dei punti d'appoggio in quel tratto potrebbe essere più logicamente colmata ricavando un bivacco nella vecchia Malga Stellune".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento