Smaltimento di rifiuti pericolosi non autorizzato, multa da 9000 euro

Si è chiusa con il pagamento della sanzione la vicenda di una ditta di Tione doove venivano trattati rifiuti pericolosi

foto: Polizia Locale Valle del Chiese

Si è chiusa con il pagamento di una sanzione amministrativa di 9.750 euro la vicenda che vedeva coinvoltauna ditta di Tione, il cui legale rappresentante era stato denunciato per trattamento illecito di rifiuti.

Secondo quanto accertato nelle indagini la ditta ha "esercitato attività di recupero di rifiuti non pericolosi in difformità dalla autorizzazione per quantità e modalità dei rifiuti trattati sia in assenza della prevista autorizzazione per tipologie di rifiuti diversi da quelli consentiti".

La vicenda aveva avuto origine nel giugno dell’anno scorso quando, durante una normale controllo del territorio, era stata verificata la presenza in un capannone della zona artigianale, risultato poi privo di agibilità, di alcune persone intente nel trattamento di rifiuti.

I controlli avevano immediatamente consentito di appurare la presenza di tipologie di rifiuti non ricompresi nelle autorizzazioni come anche violazioni sulla normative del lavoro per i quali sono stati informati i competenti uffici provinciali. Con il pagamento della sanzione è stata inoltrata anche la richiesta dii archiviazione del caso. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Volotea: due nuove destinazioni dall'Aeroporto Catullo

  • Torna l'obbligo di pneumatici invernali

  • Cosa fare nel weekend: tutti gli eventi

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

  • Infortunio sul lavoro a Grigno, precipita per cinque metri e si schianta al suolo: grave

  • Scende con l'auto dal Castello di Arco e si schianta: grave una donna di 48 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento