Green Civezzano

I mozziconi di sigaretta diventano materia prima: il progetto

L'impianto innovativo per il recupero di questo tipo di rifiuto, verrà utilizzato in Trentino

Novità sul fronte della raccolta differenziata, che riguardano una particolare tipologia di rifiuto: il mozzicone di sigaretta. A Civezzano la ditta Re-Cig Srl realizzerà infatti un impianto di "recupero dei rifiuti urbani non pericolosi da mozziconi di prodotti da fumo". Il rifiuto, una volta raccolto, verrà utilizzato per la produzione di un conglomerato plastico granulato da utilizzare, dopo apposita certificazione, come materia prima.

Il progetto

Il progetto - sottolinea la Pat - risulta coerente con gli obiettivi definiti dal Piano provinciale per lo smaltimento dei rifiuti, inerenti l’aumento della raccolta differenziata. Risulta in accordo, inoltre, con i principi dell’economia circolare e con quelli della direttiva 904/2019 sulla riduzione del consumo di plastiche monouso. Si tratta di un progetto inedito sul territorio: a tutt'oggi infatti non sarebbero presenti in Trentino impianti di questo tipo.

L'approccio proposto dalla ditta, tramite l’utilizzo di appositi cestini per la raccolta dei mozziconi, andrà ad intercettare e recuperare una frazione di rifiuto che, per quanto esigua, non è al momento né riciclato, né raccolto in maniera differenziata, ma smaltito in discarica e spesso abbandonato sulle strade. Con la realizzazione di questo impianto, quindi, verrà attivato il recupero di una nuova frazione di rifiuto sottraendolo allo smaltimento finale in discarica.

Il progetto prevede diverse fasi di lavorazione del rifiuto, quali setacciatura e separazione della carta, successivo lavaggio, essiccazione e miscelazione termica e granulazione dei filtri. Le lavorazioni sono coperte da brevetto internazionale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I mozziconi di sigaretta diventano materia prima: il progetto

TrentoToday è in caricamento