Reti per uccelli e munizioni illegali: bracconiere scappa, la forestale lo blocca

Denunciato in un'operazione congiunta di Guardia Forestale e Carabinieri: il 62enne aveva munizioni ed attrezzatura proibite

Operazione anti bracconaggio nel Chiese. Denunciato, dal personale del Corpo forestale, un cacciatore della riserva di Roncone/Lardaro. Il 62enne, residente in zona, era in possesso di munizioni illecite. Al momento del fermo il cacciatore ha opposto resistenza agli agenti ed è riuscito momentaneamente a sottrarsi al controllo, fuggendo nel vicino bosco e facendo perdere le proprie tracce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente, anche con la partecipazione dei Carabinieri della Stazione di Tione, il cacciatore è stato rintracciato poco distante. In seguito ai fatti accertati il personale forestale, sentito il Pubblico Ministero, ha proceduto alla perquisizione della residenza del fermato: sequestrati due fucili da caccia, un silenziatore, due reti per la cattura di uccelli e munizioni. Il cacciatore è stato pertanto segnalato all’Autorità giudiziaria per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e detenzione illegale di parti di armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento