Volontari al lavoro per ripulire il torrente: dai boschi spunta di tutto

In una giornata di lavoro riempito un container di rifiuti. Il comune: "Hanno dimostrato che l’amore per la propria terra è più forte dell’inciviltà"

Bidoni vuoti di carburante, gli immancabili copertoni ma anche elettrodomestici ed un trattore giocattolo di platica. Questo il "bottino" raccolto dai volontari in Val del Restel, la stretta e profonda valle perpendicolare alla Vallarsa sul lato sinistro del Leno, attraversata da un altissimo viadotto.

Una giornata a caccia di rifiuti: trovarli non è stato difficile, purtroppo. Recuperarli, un duro lavoro. Ma a fine giornata i ragazzi dell'associazione Giovani di Matassone hanno riempito un container. E' davvero incredibile che anche in una remota valle del Trentino, un paradiso naturale, per molti versi, poco conosciuto ed apparentemente selvaggio, si possa trovare di tutto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bosco cela agli occhi quello che purtroppo è il frutto di un'inciviltà diffusa. Forse tanto diffusa proprio perchè nascosta alla vista. A coordinare il lavoro dei volontari è stato il Comune di Vallarsa: ". Da parte dell’amministrazione comunale va un grande grazie a chi ha organizzato e a chi ha partecipato. Queste persone hanno dimostrato che l’amore per la propria terra è più forte dell’inciviltà di chi abbandona i rifiuti nel bosco". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus: si va verso la proroga fino al 30 aprile, arriva il "mini-reddito" anche per chi è in nero

Torna su
TrentoToday è in caricamento