menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto: Muse

foto: Muse

Il rarissimo "pipistrello-bulldog" trovato, congelato, da un bambino a Piedicastello

Raro avvistamento in Trentino, purtroppo di un esemplare morto. Gli esperti del Muse: "Un dato prezioso sulla diffusione in ambiente urbano"

E' stato trovato da un bambino di 7 anni, sulla neve nella piazza di Piedicastello, il grosso pipistrello poi identificato dagli esperti del Muse come il "molosso di Cestoni". Un ritrovamento rarissimo in Trentino, seppur riferito ad un esemplare morto, probabilmente a causa delle rigide temperature di questo periodo. Irzio Maiolini, questo il nome del bambino, ha subito avvertito il padre Carlo, che lavora al Muse e fa parte del gruppo di Citizen Science. 

Grandi orecchie tondeggianti, una vera e propria coda come quella dei topi, gandi membrane alari: l'esemplare è stato riconosciuto come Tadarda teniotis, detto "molosso di Cestoni", descritto come specie all’inizio dell’Ottocento da un biologo statunitense che lo dedicò alla memoria del naturalista marchigiano del Seicento Diacinto Cestoni. 

E' un pipistrello presente nell’Europa mediterranea, in Africa settentrionale e in vaste zone dell’Asia centrale, abitualmente legato ad ambienti rupestri, come falesie affacciate sul mare o pareti rocciose in vallate montane; in tempi recenti si sono intensificate anche le segnalazioni in ambiente urbano. 

"Le notizie riguardanti la presenza della specie in Trentino – confermano dal Museo delle Scienze – sono molto scarse e frammentarie: finora non è stato scoperto alcun dormitorio o colonia riproduttiva di questi animali, né sono noti siti stabilmente utilizzati per svernare.  Il nostro sfortunato “mastino con le ali”, perito in una notte di mezzo inverno, ci lascia dunque un prezioso dato". 

Il caso mette anche in luce l'importanza del gruppo di Citizen Science del Muse, che sulla pagina Facebook dedicata ha già raggiunto i mille iscritti, grazie al quale è possibile sottoporre agli esperti del museo segnalazioni di eventi naturali osservati dai cittadini. Uno dei progetti avviati riguarda proprio la mappatura delle specie di pipistrelli, alla pagina dedicata "S.O.S. Pipistrelli". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento