Orti urbani in arrivo in Clarina ed a Gardolo

Due aree verdi individuate dal Comune diventeranno orti comunitari per i cittadini che ne faranno richiesta. Ecco il progetto

Orti comunitari al Muse

Trasformare le periferie urbane in luoghi dove “fare comunità”, creando orti e vivendo un’esperienza di agricoltura sostenibile, civica e sociale. E' questo l'obiettivo degli "orti comunitari", già sperimentati dal Comune di Trento in diverse zone della città e dei sobborghi. Un'iniziativa particolarmente apprezzata, tanto che sarà presto replicata nel quartiere della Clarina e nel paese periferico di Gardolo. 

La Giunta comunale ha individuato due aree verdi da destinare a progetti di orti comunitari in via della Canova e in via Medici, dando il via ad un’iniziativa che andrà ad affiancare le già esistenti e più consolidate forme di “orto per anziani”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra qualche giorno sarà disponibile sul sito del Comune un avviso di manifestazione di interesse, predisposto dal servizio Beni comuni e gestione degli acquisti, con cui si invitano i cittadini attivi a presentare una proposta di collaborazione per la realizzazione di orti comunitari negli spazi individuati, avviare una fase di co-progettazione e dare concretezza al progetto di realizzazione di orti condivisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Dramma a Torbole: stagionale muore a 23 anni da solo a casa. Effettuato il tampone: negativo

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Coronavirus: altri 7 decessi in Trentino. Nuova restrizione: "Non si esce dal Comune in cui ci si trova"

Torna su
TrentoToday è in caricamento