Green Oltrefersina / Via al Casteller

Oipa sul Casteller: "Per ogni orso che esce ne entrerà un altro"

Pur apprezzando la proposta della Fondazione Brigitte Bardot l'associazione animalista invita a riflettere sulla questione generale: gli orsi "problematici" saranno sempre catturati ed imprigionati

Per ogni orso liberato al Casteller ci sarà posto per un altro. Il problema non è aprire le gabbie, ma eliminarle. Questa, parafrasando, la posizione dell'Oipa alla notizia della visita di Brigitte Bardot in Trentino. L'incona internazionale del cinema tramite la sua Fondazione si è proposta di trasferire uno o più esemplari "problematici" dal Centro faunistico sopra Trento ad un parco in Bulgaria. La Provincia si è affrettata a rispondere molto positivamente.

Un'operazione che, però, non risolve il problema. "Pur apprezzando la generosa offerta d’aiuto della Fondazione Brigtte Bardot, invitiamo a riflettere su questo: Se un orso uscirà dalla sua cella, un altro vi entrerà alla prima occasione - si legge nella nota di Oipa -. La liberazione di un orso dal Casteller, ormai saturo, non cambierà la fallimentare gestione del progetto Life Ursus condotta dalla Provincia autonoma di Trento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oipa sul Casteller: "Per ogni orso che esce ne entrerà un altro"

TrentoToday è in caricamento