menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Rovereto sbarcano i vestiti creati dalle bucce di arancia

Si chiama "Orange Fiber" la startup che vuole trasformare le oltre 700.000 tonnellate di scarto dell’industria agrumicola italiana in un tessuto sostenibile e vitaminico che rappresenti una nuova opportunità per i settori tessile e moda


Produrre capi di abbigliamento vitaminici, tonificanti per la pelle, utilizzando gli scarti delle arance, grazie alle nanotecnologie. Succede a Rovereto grazie all'idea di due giovani donne siciliane, Adriana Santanocito e Enrica Arena, di Catania, che grazie ad un finanziamento dalla Provincia autonoma di Trento e dal Fondo europeo di sviluppo regionale hanno creato la loro start up che si chiama "Orange Fiber". Il  processo introdotto dalla start-up rende possibile l’estrazione di cellulosa da scarti agrumicoli e il suo uso per il settore tessile. Ma c’è di più. Grazie all’impiego delle nanotecnologie, Orange Fiber fissa ai tessuti oli essenziali di agrumi, affinché il vestito rilasci vitamine su chi lo indossa e ne favorisca il benessere. Orange Fiber vuole trasformare le oltre 700.000 tonnellate di scarto dell’industria agrumicola italiana in un tessuto sostenibile e vitaminico che rappresenti una nuova opportunità per i settori tessile e moda italiani. Secondo le ricerche, il consumo globale di prodotti tessili è di circa 75 milioni di tonnellate annue ed è soggetto ad un aumento proporzionale a quello della popolazione mondiale.
Nel 2013 Orange Fiber è tra le finaliste del round mondiale della Creative Business Cup Competition e tra le 14 idee italiane innovative selezionate per essere proposte a Wall Street durante Usa Camp organizzato da Italia Camp. Si guadagna il premio “Il Talento delle Idee” nell’ambito del premio Gaetano Marzotto, la Menzione Speciale Working Capital-Telecom Italia nell’acceleratore di Catania. È poi tra le cinque idee sostenibili protagoniste ad Alimenta2Talent per Parco Tecnologico Padano, fra le dieci di Changemakers for Expo 2015, vince il Biotechnology Award del Parco Tecnologico Padano e partecipa al MedKed Grow in Style della Provincia di Milano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento