menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con la scusa degli alberi abbattuti da Vaia si aprono nuove strade nei boschi?

La denuncia dell'Osservatorio Spontaneo sul Rispetto dell'Ambiente in Trentino riguardo al caso delle Valli Giudicarie, ma i casi simili sono molti in Trentino

La tempesta Vaia, o meglio l'esigenza di rimuovere gli alberi abbattuti dal vento prima che sopraggiunga l'inverno, usata come pretesto per spianare strade nel bosco, a servizio delle aziende che provvedono all'esbosco. A lanciare l'allarme è l'Osservatorio Spontaneo sul Rispetto dell'Ambiente in Trentino, che denuncia il caso di malga Cengledino nelle Valli Giudicarie, nei cui boschi è stata aperta una strada sterrata per portare sul posto ruspe e camion.

Il tutto nel bel mezzo del Parco Naturale Adamello Brenta. Le perplessità riguardano anche il futuro: una volta ripulito il bosco dai tronchi abbattuti che fine farà la strada? Difficile "seppellirla" nuovamente. Il sospetto è che questa strada, ma anche tante altre nate con lo stesso motivo negli ultimi mesi in molte vallate trentine, possa rimanere per portare auto in quota. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Covid, sintesi del nuovo Dpcm

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, un altro lutto e +220 contagi

  • Attualità

    Sicor, sostegno da "tute blu" e studenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento