Fermati con trenta nidi di tordi nell'auto

Una coppia bresciana fermata dai Carabinieri con i nidi nell'auto, pratica ovviamente vietata

Ancora "ladri" di nidi di tordo in trasferta. Ancora una volta i cacciatori di nidi sono bresciani, ed il luogo prediletto per fare scorta di nidacei è il Trentino Alto Adige. Una coppia originaria di Artogne, nel bresciano, lui 46 anni e lei 43, è stata fermata dai Carabinieri con una trentina di nidi nel bagagliaio. Secondo quanto ricostruito dai militari i nidi di tordo sono stati asportati dalle campagne di Laces.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ovviamente si tratta di una pratica vietata per legge, e forse proprio per questo particolarmente apprezzata dal mercato nero. In Trentino si verificano un paio di casi all'anno, scoperti da forestale e carabinieri, che sembrerebbero però essere la "punta dell'iceberg" di un fenomeno più diffuso, ed in crescita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento