menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una startup per limitare l'uso di pesticidi

La startup Nanomnia, nata nell'incubatore green di Trentino Sviluppo, ha brevettato una tecnologia che permette dosaggi fino a 100 volte inferiori a quelli attualmente usati

La scienza e la tecnologia hanno creato i pseticidi, per difendere l'agricoltura da parassiti e malattie. Ora la stessa scienza e la stessa tecnologia combattono i danni dei pesticidi per proteggere noi, permettendoci di utilizzare dosaggi fino a 100 volte inferiori per ottenere gli stessi risultati.

La startup trentina che si occupa di ciò i chiama Nanomnia, è stata fondata dai biotecnologi veronesi Marta Bonaconsa, Michele Bovi e Pietro Vaccari, ed è insediata in Progetto Manifattura a Rovereto, l’hub delle green-tech di Trentino Sviluppo. L’azienda ha brevettato un guscio organico per l’incapsulamento degli agrofarmaci: una tecnologia innovativa fa sì che la pianta malata riconosca il trattamento antiparassitario che le viene applicato come una parte di sé stessa e pertanto lo inglobi, riducendo il rischio di rigetto.

La startup si prepara infatti a dare battaglia anche a Xylella, il batterio killer che minaccia l’economia dell’ulivo in Puglia. “Così facendo – spiega la biologa Marta Bonanconsa, fondatrice di Nanomnia – facilitiamo l’assorbimento dell’agrofarmaco, che di conseguenza può essere somministrato in quantità fino a cento volte inferiori rispetto allo standard, con un notevole risparmio da parte dell’imprenditore, che potrà ridurre i propri acquisti di pesticidi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento