menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Car sharing, per i dipendenti provinciali pronte 65 autovetture

Gli obiettivi sono il contenimento dei costi di gestione dei mezzi, il risparmio sui rimborsi per i viaggi del personale e la riduzione del 20% degli autoveicoli di proprietà provinciale

Dopo avere approvato, nel gennaio scorso, la prima fase del progetto "car sharing", continua l'opera di razionalizzazione dell’uso degli autoveicoli di proprietà provinciale da parte del personale. Si partirà da subito con l'inserimento nel parco autovetture in car sharing di 65 veicoli della Provincia, che diventeranno 80 entro fine anno. Il modello gestionale prevede che i dipendenti dovranno ricorrere all’utilizzo delle vetture in car sharing in modo prioritario rispetto a quelle private. La procedura prevede una prenotazione on line delle vetture e il ritiro (e poi la riconsegna) presso le aree di parcheggio individuate in zona Nord e Centro di Trento, attenendosi alle disposizioni del disciplinare di utilizzo.

L’Ufficio Gestioni Generali, che si occuperà della gestione del servizio, ha già allestito un Call Center Prenotazioni al quale tutti i dipendenti interessati potranno chiedere informazioni ai numeri telefonici 0461 496415 – 496438 o tramite posta elettronica all’indirizzo “car sharing@provincia.tn.it”. Lo stesso Ufficio comunicherà nei prossimi giorni a tutte le strutture la data di effettiva attivazione del servizio, inviando anche una dimostrazione  simulata di prenotazione online. Gli obiettivi sono: il contenimento dei costi di gestione dei mezzi (manutenzione, assicurazione, funzionamento ecc.), risparmio sui rimborsi per i viaggi del personale e la riduzione del 20% degli autoveicoli di proprietà provinciale.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Rifugio sommerso dalla neve, i gestori chiedono aiuto ai trentini

Attualità

Chiusa per pericolo valanghe l'area del Mugon sul Monte Bondone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento