Lupo, l'assessora Zanotelli: "Non sarà una quieta convivenza"

Cambio di approccio rispetto al precedente governo provinciale, che però approvò la norma poi impugnata dal Governo Conte

Si riaccende il dibattito attorno ai grandi carnivori in Trentino dopo l'attacco da parte dei lupi ad un gregge alle porte di Ala, primo caso segnalato in un fondovalle abitato. In realtà la questione è tornata in primo piano anche perchè non ancora affrontata dal nuovo governo provinciale, che sul tema negli anni ha sempre dato battaglia. 

Al centro della polemica, tutta politica, c'è la norma scritta dall'allora assessore Dallapiccola (Patt) che prevedeva l'abbattimento in caso di esemplari particolarmente dannosi. Una norma impugnata dal ministro all'Ambiente Sergio Costa che invocò la competenza statale in materia.

Ora la Lega al potere in Trentino sembra aver individuato come interlocutore sulla questione il ministro all'Agricoltura Gian Marco Centinaio, leghista, sicuramente ministro più politico rispetto al "tecnico" Costa. Un rapporto confermato anche dalle dichiarazioni della nuova assessora alle Foreste del trentino, Giulia Zanotelli: "Il tema era stato discusso anche a dicembre, nel corso di una visita del ministro all’agricoltura, Centinaio, alla quale erano state invitate le rappresentanze sindacali agricole trentine. Inoltre, nelle prossime settimana vi sarà un incontro in Provincia, organizzato dal presidente Fugatti, con i governatori del Nord Italia".

"Certo – commenta l’assessore – che le critiche ricevute in questi giorni da chi ha gestito il fenomeno nella precedente legislatura ci appaiono alquanto strumentali e singolari, considerato che chi ci ha preceduto non ha mai cercato di affrontare il problema in maniera organica se non approvando un disegno di legge a fine legislatura. Senza contare che, in diverse occasioni, gli esponenti della precedente Giunta, avevano evidenziato come il problema dovesse essere affrontato ricercando una sorta di  "quieta convivenza" con i grandi carnivori, cosa che appare del tutto improponibile, visto quanto accaduto negli ultimi tempi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento