La lince è ancora in Val di Ledro: ecco il video

Una delle rare segnalazioni dello schivo animale tra Trentino e Lombardia da 10 anni

La lince in Val di Ledro, foto: archivio PAT

La lince è ancora in Val di Ledro, e fa bella mostra di sé in un video realizzato dai cacciatori della riserva di Molina, sui versanti di Tremalzo. Le immagini sono state diffuse dalla Provincia autonoma di Trento. 

Guarda il video, clicca qui...

Come è noto, si tratta dell’unico esemplare la cui presenza è documentata in Trentino ed in generale sulle Alpi italiane, ad eccezione di pochissimi singoli individui presenti nel Friuli settentrionale al confine con la Slovenia. E’ un esemplare maschio nato nel 2006 nel cantone del San Gallo in Svizzera (dove è presente una piccola popolazione, reintrodotta dalle autorità locali) e che ha raggiunto la provincia di Trento nel 2008. Radiocollarato una prima volta nel Parco nazionale Svizzero nel 2008, è stato poi radiomarcato ancora in Trentino due volte: nel 2010 e nel 2012.

Lupi sulla Marzola: la Forestale conferma

La lince B132, questo il "nome in codice" dell'esemplare, era stata avvistata e ripresa dalla fototrappola due volte nel 2014. Poi nulla fino al 2017, quando ricomparvero delle foto scattate in Val D'Ampola, e poi nuovamente nel 2018 in Valle del Chiese. L'ultima segnalazione risaliva a sei mesi fa, sempre nella zona di Ledro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E’ un animale solo - spiega una nota del Servizio Foreste e Fauna - dunque per il momento non in grado di riprodursi e di dare continuità alla presenza della specie. La conferma della sua presenza costituisce però un segnale positivo sia in termini di qualità dell’ambiente che lo ospita che dal punto di vista del rispetto nei suoi confronti dimostrato dai cacciatori, che hanno collaborato da sempre al monitoraggio dell’animale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento