menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, il Veneto supera il Trentino sulla raccolta differenziata

I dati dell'Ispra: il Veneto è la regione più attiva nella raccolta differenziata (+1,2% nel 2010, rispetto al 2009), seguita appunto da Trentino Alto Adige (57,9% e una posizione stabile) e Piemonte (50,7%)

Il Trentino Alto Adige si piazza al secondo posto in Italia per la raccolta differenziata. Emerge dal rapporto 2012 dell'Ispra, cioè l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. E' il Veneto è la regione più attiva nella raccolta differenziata (+1,2% nel 2010, rispetto al 2009), seguita appunto da Trentino Alto Adige (57,9% e una posizione stabile) e Piemonte (50,7%). Le Marche primeggiano tra le regioni centrali, con un 39,2% e una crescita del valore del 9,5%; seguono Toscana (36,6%, +1,4% rispetto all’anno precedente), Umbria (32%) e Lazio (16,5%). Al Sud la Campania al 32,7%, con picchi superiori al 50% a Salerno (55,2%) e un buon 50% ad Avellino. Napoli, nonostante l’emergenza rifiuti, ha raggiunto il 26,1%, a dispetto del 24,4% del 2009.

Quanto alla produzione di rifiuti urbani prodotti in Italia, invece, sono stati 32,5 milioni di tonnellate in 12 mesi (dato riferito al 2010), l'1,1% in più rispetto all'anno precedente, in controtendenza rispetto alla leggera contrazione registrata in passato. Così in Europa: 252,5 milioni di tonnellate di rifiuti urbani (nel 2010), l’1,1% in meno rispetto all'anno precedente nei 27 paesi dell'Unione europea (dati Eurostat).
 
Aumento record: +1,9%, nel centro Italia l'aumento più significativo nella produzione di rifiuti urbani, a seguire le regioni settentrionali (+1,3%) e quelle meridionali (+0,4%). Ogni abitante delle regioni centrali ha prodotto 9 kg di rifiuti in più nel 2010 rispetto all’anno precedente; sono stati 3, invece, i kg in più di ogni italiano del Nord, contro i 2 kg del Sud. Con una media nazionale di 4 kg di rifiuti urbani pro capite in più. L'Emilia Romagna, con 677 kg di rifiuti prodotti pro capite, è la regione con la maggior produzione, seguono la Toscana (con 670 kg per abitante), la Val D’Aosta (623 kg), la Liguria (613 kg) e il Lazio (599 kg). In Molise, con 413 kg a testa di rifiuti nel 2010 e un calo di 13 kg rispetto al 2009, si produce sempre meno spazzatura; in Basilicata meno che in tutte le altre regioni: 377 kg di rifiuti pro capite, con una flessione di 5 kg rispetto all’anno precedente. Con 478 kg per ogni cittadino nel 2010, l'11 in più rispetto al 2009, la Campania produce più spazzatura, anche se è da tempo tra le regioni italiane più in difficoltà per quanto riguarda la gestione dei rifiuti urbani. 
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento