MUSE, con 1000 fototrappole mappate 171 specie: alcuni scatti sono spettacolari

Una selezione "da copertina" che ci fa capire, attraverso la bellezza di alcuni scatti, l'importanza della ricerca e la responsabilità dell'Uomo nei confronti della biodiversità

Uno degli scatti diffusi dal Muse

Foto "da copertina" con un alto valore scientifico, o meglio sarebbe dire foto scientifiche spettacolari ad alto impatto emotivo. Sono alcuni degli scatti provenienti dalle 1000 fototrappole piazzate nelle foreste tropicali di Africa, Sudamerica e Sud-Est Asiatico da una rete di ricercatori coordinata dal Muse, Museo delle Scienze di Trento e dall'Università di Firenze.

Grazie ad un migliaio di fototrappole i ricercatori hanno documentato la presenza di 171 specie diverse di mammiferi, ma tra i 300.000 scatti realizzati ce ne sono, chiaramente, alcuni la cui bellezza estetica trascende il valore scientifico, che è valso al lavoro la pubblicazione sulla prestigiosa rivista internazionale Ecography.

“Questi risultati sono rilevanti sia sul piano ecologico che per la conservazione di intere comunità di fauna selvatica – commenta Simone Tenan, ricercatore del MUSE e coordinatore del progetto insime a Francesco Rovero, ricercatore del Dipartimento di Biologia dell'Università di Firenze ed anch'egli collaboratore del museo trentino - perché gettano le basi per analizzare la vulnerabilità e quindi impostare piani di protezione che siano generalizzabili a contesti diversi e intere comunità e non limitati a singole specie. I mammiferi nelle foreste pluviali sono sempre più minacciati dall'incessante deforestazione, dalla caccia e dal cambiamento climatico, con molte specie a rischio di estinzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scoperta è che le comunità di mammiferi delle foreste pluviali del mondo, seppur formate da faune molto diverse, sono composte da proporzioni simili di carnivori, erbivori, insettivori e onnivori. L'altro aspetto evidenziato è che, purtroppo, tutte le specie osservate presentano una comune vulnerabilità rispetto a fattori ambientali e di disturbo da parte dell’uomo. Una scoperta che ci responsabilizza una volta di più e che ci fa guardare con altri occhi a questi meravigliosi scatti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Elezioni comunali a Trento: ecco i più (e i meno) votati

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Elezioni comunali: ecco gli eletti a Trento

  • Elezioni comunali, ecco il voto nelle circoscrizioni

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento