Ditta di mobili abbandona divani lungo la strada: "Era solo una soluzione temporanea"

Ad incastrare la ditta di Barletta è stata un'etichetta ritrovata tra gli imballaggi

Il "salotto" abbandoonato a Valle San Felice

Un vero e proprio soggiorno è comparso dal giorno alla notte lungo la strada che da Mori porta alla frazione di Valle San Felice. A lasciare divani e poltrone lungo la strada  è stata una ditta di Barletta, subito contattata dalla Polizia Locale dopo la  segnalazione di un cittadiino. Il nominativo, con tanto di indirizzo, della ditta etra contenuto in alcuni imballaggi di nylon ritrovati a fianco dei divani abbandonati. 

La ditta, stando a quanto riportato in una nota del Comune di Mori, si è scusata dicendo che si trattava solamente di un "abbandono temporaneo", anche se si è portati a credere che l'intento era piuttosto quello di disfarsi del mobilio evadendo le tasse sullo smaltimento. 

In ogni caso i responsabili sono tornati in Trentiino ed hanno provveduto a riprendersi quanto abbandonato. "Secondo la legge, in questi casi è possibile anche procedere con la segnalazione in procura, ma è un’ipotesi che stiamo al momento valutando: l’importante è che l’area sia stata subito ripulita" ha dichiarato l'assessore comunale Roberto Caliari. 

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento