menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contenere il numero di cormorani: passa la mozione, ma sono specie protetta

Difficile "contenere" senza poter eliminare: ogni deroga deve passare dall'Ispra, già schierato contro l'abbattimento di lupi e orsi

Dopo lupi, orsi e cinghiali ad essere nel mirino della Giunta trentina potrebbero essere i cormorani. Non è la prima volta che la questione viene sollevata: fino a vent'anni fa non erano presenti in TTrentino, mentre ora popolano i corsi d'acqua principali. A notare che qualcosa non va sono sati, per primi, i pescatori che lamentano una scarsità di pesce da imputare, dicono, proprio al diffondersi della specie.

Ora una mozione approvata dal Consiglio provinciale, su proposta della consigliera della Civica Vanessa Masè, impegna la Giunta ad "adottare misure che garantiscano il controllo edl il contenimento più efficace possibile della popolazione dei cormorani".

Quali misure? Difficile sapperlo. L'assessore alle Foreste e Caccia Zanotelli, che aveva già annunciato un "cambio di rotta" sulla gestione di lupo ed orso, ha ricordato che,  proprio come i grandi carnivori, anche i cormorani sono specie protetta.

Contenerli significa, in un modo o nell'altro, eliminarli. E questo non è possibile senza una revisione della legge nazionale che dice cosa si può cacciare e cosa no. Difficile che nel "bracci di ferro" già in corso con il Ministero per lupi e orsi finiscano anche i cormorani.

L'assessora Zanotelli ha infine ricordato che è già attivo un tavolo per affrontare la presenza di cormorani sul territorio trentino. Nulla, però, è stato fatto, proprio perchè ogni azione dovrebbe passare dal parere dell'Ispra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento