Associazione ortofrutticoltori: "Clorpirifos al bando nel 2018"

Apot annuncia il divieto entro l'anno per il pesticida tristemente noto per essere stato bandito da diversi paesi dell'Unione Europea

Apot, l’Associazione produttori ortofrutticoli trentini, annuncia l’eliminazione totale del Clorpirifos etile nel 2018 e l’introduzione di impegni vincolanti come l’obbligo di utilizzo di quantitativi ridotti di acqua ed una serie completa di ugelli antideriva per gli atomizzatori impiegati nella difesa fitosanitaria.

Le misure sono contenute nel progetto 'Trentino frutticolo sostenibile', nato nel 2016 per rendere periodicamente pubblici, "per una volontà di condivisione e informazione, i programmi e i risultati perseguiti dal sistema frutticolo trentino in un’ottica di sostenibilità". 

Anche nel 2018 è prevista la compilazione informatica dei 'Quaderni di campagna', così come l’obbligo di estirpazione di piante sintomatiche per la presenza di scopazzi nei frutteti e la revisione periodica degli atomizzatori e dei dispositivi di diserbo. "Le limitazioni volontarie introdotte orientano decisamente verso una frutticoltura rispettosa della salute e dell'ambiente, ma anche delle necessità operative dei frutticoltori. Non possiamo, infatti, scordare, che la competitività del sistema produttivo è il punto centrale per garantire effetti positivi per la qualità dei prodotti, la società e il territorio, con conseguenze importanti per l'indotto", dichiara Alessandro Dalpiaz, direttore di Apot

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

Torna su
TrentoToday è in caricamento