Università Corso Bettini

Rovereto: i primi laureati in "Sport e montagna"

Prime lauree magistrali, nel rispetto delle norme covid, nel nuovo corso di laurea nato in collaborazione con Verona

I laureati della prima sessione, foto di Florio Badocchi ©Trentino Sviluppo

Non solo la nuova Facoltà di Medicina: la collaborazione tra l'Università di Trento e quella di Verona ha portato in anni recenti ad istituire un corso di laurea in Scienze dello sport e della prestazione fisica, dedicato alla montagna. Una realtà, istituita nell'ottobre 2018, che ha dato ora i suoi frutti: sono cinque i neolaureati possono fregiarsi del titolo.

La sessione si è tenuta lunedì 20 luglio, in presenza ma nel pieno rispetto delle normative anti-covid. Michele Bais, Stefania Briccio, Arianna Dezulian, Flaminia Franchetti Pardo e Martina Palumbo: questi i primi "dottori" in Sport e Montagna.

Ecco le tesi di laurea

Michele Bais si è occupato di “Effetto di 3 sessioni di allenamento al caldo sulla performance di endurance” (relatrici: Barbara Pellegrini e Alexa Callovini Alexa, controrelatore Aldo Savoldelli).
Stefania Briccio ha curato, invece, “Uno studio longitudinale sulla coordinazione motoria in un campione di bambini italiani e di altre etnie” (relatrici: Valentina Biino e Chiara Milanese, controrelatrice Barbara Pellegrini).
Arianna Dezulian ha condotto un’”Analisi del modello prestativo nelle diverse discipline dello sci alpinismo: case report delle competizioni del campione del mondo U23 Davide Magnini” (relatori: Aldo Savoldelli e Barbara Pellegrini, controrelatrice Chiara Zoppirolli).
“L'equilibrio nello sci alpino: effetto del contesto specifico” è stato l’argomento scelto da Flaminia Franchetti Pardo (relatori: Federico Schena e Alfredo Brighenti e controrelatrice Valentina Biino).
Martina Palumbo, infine, si è concentrata su “Physio-metabolic aspects in athlets and sedentary people over-65, during leg and arm cycling exercises” (relatrici: Chiara Zoppirolli e Barbara Pellegrini, controrelatore Federico Schena).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rovereto: i primi laureati in "Sport e montagna"

TrentoToday è in caricamento