Rovereto: i primi laureati in "Sport e montagna"

Prime lauree magistrali, nel rispetto delle norme covid, nel nuovo corso di laurea nato in collaborazione con Verona

I laureati della prima sessione, foto di Florio Badocchi ©Trentino Sviluppo

Non solo la nuova Facoltà di Medicina: la collaborazione tra l'Università di Trento e quella di Verona ha portato in anni recenti ad istituire un corso di laurea in Scienze dello sport e della prestazione fisica, dedicato alla montagna. Una realtà, istituita nell'ottobre 2018, che ha dato ora i suoi frutti: sono cinque i neolaureati possono fregiarsi del titolo.

La sessione si è tenuta lunedì 20 luglio, in presenza ma nel pieno rispetto delle normative anti-covid. Michele Bais, Stefania Briccio, Arianna Dezulian, Flaminia Franchetti Pardo e Martina Palumbo: questi i primi "dottori" in Sport e Montagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco le tesi di laurea

Michele Bais si è occupato di “Effetto di 3 sessioni di allenamento al caldo sulla performance di endurance” (relatrici: Barbara Pellegrini e Alexa Callovini Alexa, controrelatore Aldo Savoldelli).
Stefania Briccio ha curato, invece, “Uno studio longitudinale sulla coordinazione motoria in un campione di bambini italiani e di altre etnie” (relatrici: Valentina Biino e Chiara Milanese, controrelatrice Barbara Pellegrini).
Arianna Dezulian ha condotto un’”Analisi del modello prestativo nelle diverse discipline dello sci alpinismo: case report delle competizioni del campione del mondo U23 Davide Magnini” (relatori: Aldo Savoldelli e Barbara Pellegrini, controrelatrice Chiara Zoppirolli).
“L'equilibrio nello sci alpino: effetto del contesto specifico” è stato l’argomento scelto da Flaminia Franchetti Pardo (relatori: Federico Schena e Alfredo Brighenti e controrelatrice Valentina Biino).
Martina Palumbo, infine, si è concentrata su “Physio-metabolic aspects in athlets and sedentary people over-65, during leg and arm cycling exercises” (relatrici: Chiara Zoppirolli e Barbara Pellegrini, controrelatore Federico Schena).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento