Vinicio Capossela torna in Trentino

Un concerto intimo, con i brani scelti da una carriera che compie trent'anni: Capossela porta in tour i suoi demoni ed arriva al Castello di Arco

Vinicio Capossela torna in Trentino per un concerto da "pandemonio". La location, particolarmente suggestiva, è il Castello di Arco, il maniero che si erge sulla roccia che domina la cittadina e la valle del Sarca fino al lago di Garda. L'appuntamento è per la serata di martedì 8 settembre.

Sarà un concerto davvero particolare, secondo quanto anticipato dall'artista stesso: canzoni messe a nudo, scelte liberamente in un repertorio che proprio quest'anno va a compiere i trent’anni dalla data di pubblicazione del primo disco “All’una e trentacinque circa”, uscito nel 1990.

Dopo le "Ballate per uomini e bestie", messe in scena lo scorso inverno anche all'Auditorium S. Chiara, Capossela ha dunque deciso di portare in tour una "bestia" sola, che ne simboleggia molte. "Il demone a cui mi riferisco in questo Pandemoium è il dáimōn dei greci. L’essenza dell’anima imprigionata dal corpo che è il tramite tra umano e divino. Il destino legato all’indole, e quindi al carattere" spiega.

Ma "pandemonium" è anche uno strumento mitico, che racchiude in sè le voci di tutti i demoni e le libera contemporaneamente. "Ho sentito parlare di questo enorme strumento, un grande organo fatto di metalli estratti dalle viscere della terra, dalle creature intraterrestri, i nani che battono e forgiano nelle cavità ctonie, il cui rimbombo ci raggiunge col brontolare del tuono, e provoca il frastuono" prosegue Capossela.

Sembra, per rimanere sul territorio, che i costruttori dello strumento demoniaco fossero nientemeno che i nani al servizio del re dolomitico Laurino. Il titolo, però, non deve trarre in inganno: il concerto, in realtà, si prospetta tutt'altro che "infernale", semmai una rilettura intima di brani ai quali l'autore è particolarmente legato. Capossela sarà accompagnato sul palco da un solo altro musicista: il rumorista Vincenzo Vasi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutti i dáimōn - conclude Capossela - come in un vaso di pandora liberati nell’isolamento e nell’insicurezza che ci ha colti nella pandemia. Nuove e antiche pestilenze. Ma allo stesso tempo il dáimōn è l’angelo, l’entità che fa da ponte col divino. Perché un po’ di divino nell’uomo c’è, pure se impastato col fango e il dáimōn lo rimesta e solleva". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Studente positivo asintomatico: isolati compagni di classe ed insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento