Bastard Sons of Dioniso: nel nuovo video la guerra al tempo degli emoticon

Smartphone usati come filtro per i descrivere i drammi del mondo, ma c'è ancora capacità di ribellione nella generazione social

Divi de I Ministri con i Bastard Sons of Dioniso sul set

E' una guerra combattuta, ed anche un po' derisa, attraverso i social quella immaginata dai Bastard Sons of Dioniso e dal regista trentino Matteo Scotton. Un'idea che prende forma nel nuovo video che accompagna l'uscita del singolo "Falegname" estratto dall'ultimo album della band. Oltre ai tre "baronetti" del rock trentino davanti alla macchina da presa compare anche Divi de I Ministri, nei panni di un generale che alla fine soccombe alla potenza del disimpegno social dei suoi sottoposti, ma anche i musicisti trentini Francesco Camin e Simone Floresta.

Guarda il video, clicca qui...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Faccine sorridenti e cuoricini salgono in cielo come il fumo delle esplosioni in uno scenario di guerra senza tempo (un po' Grande Guerra, un po' sbarco in Normandia, passando per i "bastardi senza gloria" di Tarantino). Social network che fanno da filtro al dolore, vero, causato e subìto da chi si ritrova suo malgrado in prima linea tra bombe e raffiche di mitra. Un'allegoria, forse, di una generazione abituata a vivere i drammi del mondo solamente commentandoli dietro uno schermo, alterando così la percezione stessa dei fenomeni violenti. Una generazione, però, ancora capace di insubordinazione e ribellione contro un potere che comunque richiede cieca fiducia e piena sottomissione. Le due facce dell'informazione ai tempi dei social.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento