I Pedrotti. Tre generazioni di fotografi a Palazzo Trentini

Le iniziative di carattere culturale promosse dalla Presidenza del Consiglio provinciale si susseguono a ritmo incalzante e sarà presto la volta di una accattivante mostra con ben ottanta fotografie della “dinastia” Pedrotti, fotografi in Trento e Bolzano e protagonisti nel Novecento della nostra terra. L’esposizione metterà a confronto tre generazioni, per quasi un secolo di attività professionale e artistica. Enrico (1905-1965), Mario (1906-1995), Silvio (1909-1999) e Aldo (1914-1999) sono appunto i fotografi che hanno lasciato un segno determinante nella storia dell’immagine e della musica trentina del secolo scorso. Per primo Enrico, e a seguire i fratelli, fanno della fotografia prima di tutto il loro “mestiere”, che li porta, nel 1929, ad aprire uno studio in via Roggia Grande a Trento. La loro fama in campo fotografico procede all’unisono con quella nel campo delle corali alpine e con la passione per la montagna che diventa, oltre al ritratto, il genere fotografico prediletto del loro lavoro. Nel 1926 i Pedrotti sono fra i fondatori del Coro della SAT. Con la partenza di Enrico per Bolzano nel 1937, i tre fratelli portano avanti l’atelier “Fratelli Pedrotti” fino alla cessazione dell’attività nel 1979. Enrico è la punta di diamante di questo sodalizio. Oltre al lavoro di bottega si dedica intensamente alla sperimentazione fotografica, avvicinandosi alle avanguardie nordiche e al futurismo e collaborando con Fortunato Depero. La sua attività – più volte premiata in ambito europeo e recentemente approfondita e rivalutata – lo segnala come uno dei protagonisti della fotografia europea del Novecento. Luca (Bolzano, 1943), figlio di Enrico, fotografo di teatro e di architettura, si appassiona alla fotografia sin da ragazzino, segue le orme del padre e prosegue l’attività professionale a Bolzano fino ai nostri giorni. È lui - seconda generazione dei fotografi Pedrotti - a trasmettere la stessa passione alla terza e successiva, ossia al figlio Federico (Bolzano 1969), che infatti dal 1998 è libero professionista a Monaco di Baviera. La mostra che verrà inaugurata dal presidente Bruno Dorigatti – curata da Valentina Cramerotti e Federico Pedrotti – ripercorre dunque questi sentieri di vita e di ispirazione. Cerca in particolare di evidenziare, con molti materiali inediti e con il catalogo che l’accompagna, il filo conduttore e le peculiarità di questa ininterrotta e singolare avventura professionale. Nonostante i diversi periodi storici, i cambi della tecnica, i singoli stili, aspirazioni e linguaggi espressivi, è nella passione e nel mestiere che si ritrova il trait-d’u nion di una “consuetudine” alla fotografia che è parte della storia trentina. La mostra “I Pedrotti. Tre generazioni di fotografi” resterà aperta a ingresso libero a Palazzo Trentini, in via Manci 27 a Trento, dal 18 maggio al 23 giugno 2018

Le iniziative di carattere culturale promosse dalla Presidenza del Consiglio provinciale si susseguono a ritmo incalzante e sarà presto la volta di una accattivante mostra con ben ottanta fotografie della “dinastia” Pedrotti, fotografi in Trento e Bolzano e protagonisti nel Novecento della nostra terra. L’esposizione metterà a confronto tre generazioni, per quasi un secolo di attività professionale e artistica. Enrico (1905-1965), Mario (1906-1995), Silvio (1909-1999) e Aldo (1914-1999) sono appunto i fotografi che hanno lasciato un segno determinante nella storia dell’immagine e della musica trentina del secolo scorso. Per primo Enrico, e a seguire i fratelli, fanno della fotografia prima di tutto il loro “mestiere”, che li porta, nel 1929, ad aprire uno studio in via Roggia Grande a Trento. La loro fama in campo fotografico procede all’unisono con quella nel campo delle corali alpine e con la passione per la montagna che diventa, oltre al ritratto, il genere fotografico prediletto del loro lavoro. Nel 1926 i Pedrotti sono fra i fondatori del Coro della SAT. Con la partenza di Enrico per Bolzano nel 1937, i tre fratelli portano avanti l’atelier “Fratelli Pedrotti” fino alla cessazione dell’attività nel 1979. Enrico è la punta di diamante di questo sodalizio. Oltre al lavoro di bottega si dedica intensamente alla sperimentazione fotografica, avvicinandosi alle avanguardie nordiche e al futurismo e collaborando con Fortunato Depero. La sua attività – più volte premiata in ambito europeo e recentemente approfondita e rivalutata – lo segnala come uno dei protagonisti della fotografia europea del Novecento. Luca (Bolzano, 1943), figlio di Enrico, fotografo di teatro e di architettura, si appassiona alla fotografia sin da ragazzino, segue le orme del padre e prosegue l’attività professionale a Bolzano fino ai nostri giorni. È lui - seconda generazione dei fotografi Pedrotti - a trasmettere la stessa passione alla terza e successiva, ossia al figlio Federico (Bolzano 1969), che infatti dal 1998 è libero professionista a Monaco di Baviera. La mostra che verrà inaugurata dal presidente Bruno Dorigatti – curata da Valentina Cramerotti e Federico Pedrotti – ripercorre dunque questi sentieri di vita e di ispirazione. Cerca in particolare di evidenziare, con molti materiali inediti e con il catalogo che l’accompagna, il filo conduttore e le peculiarità di questa ininterrotta e singolare avventura professionale. Nonostante i diversi periodi storici, i cambi della tecnica, i singoli stili, aspirazioni e linguaggi espressivi, è nella passione e nel mestiere che si ritrova il trait-d’u nion di una “consuetudine” alla fotografia che è parte della storia trentina. La mostra “I Pedrotti. Tre generazioni di fotografi” resterà aperta a ingresso libero a Palazzo Trentini, in via Manci 27 a Trento, dal 18 maggio al 23 giugno 2018

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Caravaggio, Burri, Pasolini: la grande mostra al Mart

    • dal 9 ottobre 2020 al 5 aprile 2021
    • Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea
  • Le mostre del Mart a Trento: Salvotti alla Civica, Moggioli alle Albere

    • dal 3 febbraio al 4 aprile 2021
    • Palazzo delle Albere
  • Il Castello del Buonconsiglio riapre con una nuova mostra

    • dal 19 gennaio al 5 aprile 2021
    • Castello del Buonconsiglio

I più visti

  • Torna il cineforum del San Marco

    • dal 22 settembre 2020 al 16 marzo 2021
    • Teatro San Marco
  • Caravaggio, Burri, Pasolini: la grande mostra al Mart

    • dal 9 ottobre 2020 al 5 aprile 2021
    • Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea
  • Al Muse una foresta di luce, da ascoltare

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2020 al 31 maggio 2021
    • MUSE - Museo delle Scienze di Trento
  • Il "popolo delle rocce" negli incontri online del Muse

    • solo oggi
    • Gratis
    • 3 marzo 2021
    • MUSE - Museo delle Scienze di Trento
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrentoToday è in caricamento