La Nona Sinfonia di Beethoven nella chiesa di San Francesco Saverio

Domenica 18 giugno, alle ore 18.30, presso la Chiesa di San Francesco Saverio, l’Orchestra “I Filarmonici” di Trento eseguirà la Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven, uno tra i più rappresentativi e celebrativi capolavori musicali del grande repertorio classico.

L’Orchestra “I Filarmonici” di Trento si unisce, per l’occasione, agli archi del Concentus Musicus Patavinus, dirige il maestro Alessandro Arnoldo.

Per il Finale della Sinfonia, su testo dell’ode “An die Freude” (“Alla gioia”) di Friedrich Schiller - sono inoltr chiamati quattro solisti: il soprano Luciana Pansa, il mezzosoprano Michela Bregantin, il tenore Max Jota il basso Maurizio Franceschetti, insieme al Coro “Città di Piazzola sul Brenta”, preparato dal maestro Paolo Piana.

Il progetto è presentato nell’occasione dei trent’anni del programma Erasmus. Ufficialmente istituito nel 1987, rappresenta una delle iniziative di successo per la promozione e lo sviluppo di un autentico spirito europeo, e ha consentito alle nuove generazioni di muoversi, conoscersi ed integrarsi durante il loro percorso universitario. La Sinfonia è intimamente legata all’idea di Europa, tanto che il suo celeberrimo

“Inno alla Gioia” fu scelto come Inno Europeo in quanto “espressione degli ideali di libertà, pace e solidarietà perseguiti dall’Europa” Completata nel 1824, la Nona Sinfonia in re minore op. 125 per soli, coro e orchestra fu eseguita per la prima volta il 7 maggio al Kärntnertortheater di Vienna insieme a tre brani della Missa Solemnis; l’esecuzione ebbe luogo in un teatro gremito, il successo fu strepitoso e il pubblico non riuscì a reprimere il suo entusiasmo. Nel secondo movimento, il geniale impiego solistico del timpano aveva scatenato un uragano di applausi, ma Beethoven, che sedeva in mezzo all’orchestra, non udiva né la musica né le ovazioni, finché la cantante Caroline Unger non lo accompagnò sul proscenio, da dove egli vide la foll giubilante. Beethoven ha composto questo capolavoro secondo i moduli del suo ultimo stile, intellettuale e ricercato, con strutture formali complesse e inediti percorsi tonali. Il compendio stilistico beethoveniano di questa partitura sembra ancora più esemplare nel tema corale, dove appare la celebre melodia dell’Inno alla gioia, quasi emblematica chiusura del suo tardo stile con un ampio gesto di comunicativa.

Ludwig van Beethoven (1770 - 1827)

Sinfonia n.9 in re minore per soli, coro e orchestra, op. 125

Soprano Luciana Pansa

Mezzosoprano Michela Bregantin

Tenore Max Jota

Basso Maurizio Franceschetti

Coro “Città di Piazzola sul Brenta”

Maestro del coro Paolo Piana

Orchestra “I Filarmonici” di Trento

Concentus Musicus Patavinus

Maestro Concertatore Alessandro Arnoldo

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Caravaggio, Burri, Pasolini: la grande mostra al Mart

    • dal 9 ottobre 2020 al 5 aprile 2021
    • Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea
  • Torna il cineforum del San Marco

    • dal 22 settembre 2020 al 16 marzo 2021
    • Teatro San Marco
  • "Sguardi sulla montagna", la mostra alle Gallerie

    • Gratis
    • dal 2 ottobre 2020 al 7 febbraio 2021
    • Le Gallerie Piedicastello
  • Al Muse una foresta di luce, da ascoltare

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2020 al 31 maggio 2021
    • MUSE - Museo delle Scienze di Trento
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrentoToday è in caricamento