Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cultura Centro storico / Via Tommaso Gar

Valerio Valentini, laureato a Trento vince il Premio Campiello "Opera Prima"

Si è laureato a Trento nel 2015 il nuovo Premio Campiello "Opera Prima" Valerio Valentini, oggi le congratulazioni del rettore Collini

Un laureato da Campiello: Valerio Valentini, laureato in Lettere moderne e in Filologia e critica letteraria all’Università di Trento, ha conquistato nei giorni scorsi il Premio Campiello, nella sezione “Opera Prima” per il suo romanzo “Gli 80 di Camporammaglia”, edito da Laterza.

Nato a L’Aquila il 24 ottobre del 1991 e cresciuto a Collemare, piccolo paese sugli Appennini abruzzesi, Valentini si trasferisce a Trento nel 2010 per frequentare l’Università. Duranti i suoi studi è stato anche allievo del Collegio Bernardo Clesio, prima di passare un periodo con il pogetto Erasmus in Inghilterra, ed un altro in Francia. Ha collaborato con riviste e siti di geolitica: “Minima & Moralia”, “Internazionale.it” e “Articolo21”, e nella redazione della webzine “404:FileNotFound”. Nel 2015 si laurea in Lettere moderne, con una tesi sulla descolarizzazione curata dal prof. Claudio Giunta. Ha scritto per “Ilfattoquotidiano.it” e per “Il Foglio”. Dalla fine del 2017 vive a Torino, dove collabora con il “Corriere della Sera”. Dal 2018 è tornato a lavorare stabilmente per “Il Foglio”, come cronista politico.

Il suo romanzo è dedicato all'Abruzzo scosso dal drammatico terremoto del 2009. “Camporammaglia di Sassa”, immaginario paese in provincia dell’Aquila, corre il rischio di diventare la capitale del dolore, e di attirare tutta l’attenzione dei media e dei politici. Attorno alla casa di Adelio, gli ottanta abitanti si muovono come sull’aia di un cascinale, sospesi tra stupore e angoscia: figure di resistenza alla catastrofe naturale e alla mutazione sociale.

"Tra reportage, epos corale e romanzo di formazione - si legge nella motivazione della Giuria - Valerio Valentini, con uno stile che non indulge mai al patetico, in equilibrio tra memorie di infanzia e referto saggistico, mette in scena due cataclismi: il terremoto esterno, che sconvolge le esistenze degli ottanta, e li relega nei moduli abitativi provvisori, e quello interiore, che segna il passaggio dall’infanzia all’adolescenza. Sarà l’organizzazione della festa patronale a dare ai giovani la motivazione per una forma di resistenza che attraversa il tessuto sociale e le vite individuali". Il rrettore dell'Università di Trento Paolo Collini ha espresso le più sentite congratulazioni per il  prestigioso riconoscimento. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valerio Valentini, laureato a Trento vince il Premio Campiello "Opera Prima"

TrentoToday è in caricamento