Itinerari Folk, quest'anno un'edizione tutta al femminile

Era il 1988 quando nasceva “Itinerari folk” su iniziativa dell’assessorato alla cultura del Comune di Trento e di lì a poco, nel 1990, l’organizzazione sarebbe passata al Centro Servizi Culturali S. Chiara che muoveva i suoi primi passi. Lo ricorda Mauro Odorizzi che da sempre ne cura la programmazione e che per la trentesima edizione del festival ha pensato ad un cast artistico interamente al femminile: «Trascorsi trent’anni, il panorama dell’offerta musicale e di spettacolo in città è mutato profondamente, raggiungendo i livelli di una piccola capitale europea. In questo arco temporale pensiamo che questa rassegna, cresciuta gradualmente, abbia fatto il suo dovere - senza clamore - per accreditare l’immagine di Trento, città aperta al mondo, e per promuovere la crescita di un pubblico curioso e moderno. Assicurando attenzione e cura nelle scelte artistiche, accanto ad una sobria gestione delle risorse pubbliche, si è raggiunto l’obiettivo di dare continuità ad un’iniziativa di valenza culturale, non elitaria ma popolare, capace di interpretare i cambiamenti e di captare le trasformazioni che sono avvenute a livello internazionale in questo genere musicale, variamente definito (folk, etnica, world music, etc.), ma in generale connesso alla memoria, alle identità anche mutanti, alle radici tradizionali.»

L'edizione 2017 del Festival è dedicata al “mondo femminile” nella musica di radice tradizionale. «Un'idea – ha spiegato Odorizzi – che presentava delle insidie, prima fra tutte il rischio di essere da un lato facilmente attrattiva, ma al contempo astratta ovvero non confortata da segni e fatti di rilievo da evidenziare.  A sgombrare questi dubbi sono arrivate due notizie, entrambe provenienti dalla Spagna, alla luce delle quali il tema si conferma valida intuizione per rappresentare un’evoluzione in atto. La prima notizia arriva con un CD: il nuovo lavoro di Ana Alcaide, dedicato alle leggende sul potere del femminile in svariate culture del mondo (Leyenda), la cui immagine di copertina, iconica e quasi mitologica, è stata di ispirazione per i materiali di presentazione della rassegna di quest’anno. La seconda notizia è contenuta nell’inchiesta di una rivista musicale catalana, legata al folk festival “Tradicionarius”. Questo reportage ha messo in luce e selezionato 100 nuove voci femminili della scena musicale catalana. Fenomeno rappresentato in un CD dal titolo “Femeni i plural: nuove voci di donna” che ne documenta una ventina.»

Nasce da qui quel “Femminile plurale” che è sembrata la formula più azzeccata per descrivere la trentesima edizione di Itinerari folk, articolata su quindici diversi progetti artistici, presentati in dodici serate dal 3 luglio all’11 agosto. Un programma di concerti che ruotano attorno al tema femminile, al suo protagonismo, alle sue storie, alle peculiari sensibilità artistiche che le donne di oggi sanno esprimere in varie parti del mondo. Un ampio sguardo sul palcoscenico della musica di radice tradizionale e della world music che ci consente di mettere a fuoco temi, identità e visioni artistiche con al centro la donna, il suo impegno civile e nella cultura, la sua passione per la vita e i sentimenti che rendono l’umanità piena di bellezza e speranza.

Come al solito la rassegna è un’occasione per girovagare ad ogni latitudine e per apprezzare nuovi spazi di creatività, tendenze innovative e nuovi progetti che disegnano l’incontro tra l’estetica moderna e gli elementi provenienti dal nostro passato, dalla memoria e dalle tradizioni. Ritmi popolari, danze, tradizioni ancestrali e suoni urbani, musica di composizione o legata a contesti rituali, sono tutti elementi che attraversano i concerti che verranno offerti nell’edizione del trentennale.

La voce avrà un ruolo predominante e in questo senso anche la varietà sonora dei linguaggi: dall’Africa alla Sardegna, dagli antichi idiomi gaelici alle lingue slave, dal Tibet al Canada francofono, dal Veneto al Piemonte.

lunedì 3 luglio, ore 21.30

TRIO IN UNO (Italia Brasile)

LA DAME BLANCHE (Cuba)

venerdì 7 luglio, ore 21.30

ANA ALCAIDE (Spagna)

lunedì 10 luglio, ore 21.30

NAMGYAL LHAMO (Tibet)

BISSEROV SISTERS (Bulgaria)

venerdì 14 luglio, ore 21.30

KARDEMIMMIT(Finlandia)

lunedì 17 luglio, ore 21.30

SONA JOBARTEH (Gambia)

venerdì 21 luglio, ore 21.30

QUINTETTO NIGRA (Italia)

RACHELE COLOMBO & MIRANDA CORTES (Italia Francia)

lunedì 24 luglio, ore 21.30

LEYLA McCALLA (USA)

venerdì 28 luglio, ore 21.30

ANDHIRA (Italia)

lunedì 31 luglio, ore 21.30

CHET NUNETA (Francia)

venerdì 4 agosto, ore 21.30

LE POULES Á COLIN (Canada)

lunedì 7 agosto, ore 21.30

ELLEN MACDONALD & DÁIMH (Scozia)

venerdì 11 agosto, ore 21.30

CARMEN SOUZA (Capo Verde)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Caravaggio, Burri, Pasolini: la grande mostra al Mart

    • dal 9 ottobre 2020 al 5 aprile 2021
    • Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea
  • Torna il cineforum del San Marco

    • dal 22 settembre 2020 al 16 marzo 2021
    • Teatro San Marco
  • Valle dei Laghi: escursioni a piedi e a cavallo

    • dal 23 gennaio al 27 febbraio 2021
  • Al Muse una foresta di luce, da ascoltare

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2020 al 31 maggio 2021
    • MUSE - Museo delle Scienze di Trento
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrentoToday è in caricamento