Ecco come Gino Bartali salvò centinaia di ebrei, con la "complicità" di un trentino

Settant’anni fa, nel tratto Firenze-Assisi, il grande campione del ciclismo Gino Bartali pedalava per la libertà nascondendo nella canna della bicicletta documenti d’identità falsi da stampare in una tipografia clandestina della città di San Francesco che avrebbero procurato la salvezza di centinaia di ebrei  salvandoli così dalla deportazione nazista.

Protagonista di quella rete clandestina di soccorso fu un grande trentino, Monsignor Giuseppe  Placido Nicolini, nativo di Villazzano, per molti anni Vescovo di Assisi. Questa pagina straordinaria della nostra storia recente verrà ricordata venerdì 30 gennaio alle ore 17.30 presso la Sala Falconetto di Palazzo Geremia  su iniziativa del Comune di Trento e della Fondazione Museo storico del Trentino grazie ad un testimone d’eccezione: Andrea Bartali, figlio del grande Gino ed autore del libro : "Gino Bartali, mio papà" (Limina editore).

“Il bene si fa ma non si dice”: così Gino Bartali disse al figlio Andrea quando gli raccontò del suo impegno a favore degli ebrei, facendosi promettere che non ne avrebbe mai parlato a nessuno. Negli ultimi  tempi dopo la morte del grande ciclista toscano avvenuta nel 2000 e dopo anni di pudore e di silenzi, è venuto fuori con chiarezza il ruolo avuto da Gino Bartali in questa storia, come corriere segreto dell'organizzazione clandestina che faceva capo ai Vescovi di Assisi e di Firenze (il cardinale Elia Dalla Costa) ed alla quale partecipavano persone delle più diverse idee politiche e convinzioni religiose.

Nel 2013 anche Gino Bartali, come prima di lui  Monsignor Nicolini, è stato dichiarato Giusto tra le Nazioni nel Museo dell’Olocausto di Gerusalemme. "Mio padre - racconta Andrea Bartali- non voleva che questa storia fosse divulgata. Mi diceva:” io voglio essere ricordato per le mie imprese sportive e non come un eroe di guerra. Gli eroi sono altri. Quelli che hanno patito nelle membra, nelle menti, negli affetti. Io mi sono limitato a fare ciò che sapevo meglio fare. Andare in bicicletta. Il bene va fatto ma non bisogna dirlo. Se viene detto non ha più valore perché è segno che uno vuol trarre della pubblicità dalle sofferenze altrui”.

"A questo punto io chiedevo a mio padre: ma perché mi racconti tutte queste storie se poi non posso raccontarle? E lui mi rispondeva:” i tempi adesso non sono maturi. Te ne accorgerai da solo quando potrai parlare”. Ecco, forse quel momento è arrivato. Ad intervistare Andrea Bartali ci sarà il giornalista e scrittore Paolo Mirti (nipote di Don Aldo Brunacci, per anni collaboratore di Nicolini ad Assisi), autore di un romanzo ispirato ai fatti di Assisi ("La società delle mandorle",  Giuntina Editore)  e di un racconto teatrale sul personaggio di Gino Bartali dal titolo "Nuvole" interpretato da Eugenio Allegri, rappresentato quest'anno ad Assisi ed in altre città italiane.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Al Muse una foresta di luce, da ascoltare

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2020 al 31 maggio 2021
    • MUSE - Museo delle Scienze di Trento
  • Trento Film Festival: quattro film per raccontarne la storia, gratis sul sito di Historylab

    • Gratis
    • dal 3 al 30 aprile 2021
    • Evento Online
  • Un vestito, una foto, un reperto egizio: il Museo di Riva del Garda online

    • Gratis
    • dal 26 marzo al 28 maggio 2021
    • MAG Museo Alto Garda
  • SalotTEENS: idee a confronto, quattro chiacchiere sul divano con i teenager

    • Gratis
    • dal 18 febbraio 2018 al 13 maggio 2021
    • https://www.facebook.com/musetrento
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrentoToday è in caricamento