Alice Tambourine Lover live al Porteghet Trento

Gran concerto giovedì 9 novembre a ore 19 presso il bar Al Porteghet di Trento.
Protagonisti della serata saranno i bolognesi Alice Tambourine Lover che, con la data trentina daranno il via al loro mini tour europeo di presentazione del loro terzo eccellente album "Like a rose" edito come sempre dalla Go Down records.
Quello che inizialmente (anno 2012) sembrava un progetto parallelo e forse anche estemporaneo rispetto al rock pimpante e aggressivo degli Alix, la prima stoner band italiana, arriva oggi al terzo capitolo, con tutta l’aria di avere intrapreso un percorso di lungo respiro. Come già detto ai tempi di Naked Songs e ribadito col successivo Star Rovers, il linguaggio degli Alice Tambourine Lover – duo formato dalla cantante Alice Albertazzi e dal chitarrista Gianfranco Romanelli – si struttura all’incrocio tra folk e blues, tra Bretagna e Delta del Mississippi, appoggiando la voce di lei – mesmerica e tagliente – sul crogiolo allestito dalle chitarre (tra cui dobro, lap steel, ukulele…) in un magmatico caleidoscopio sonoro che intreccia il folk alla psichedelia.
Il blues del duo bolognese si è fatto più soffuso e mantrico, accarezzando terrenti leggermente psichedelici. “Like a rose” terzo lavoro del duo, si presenta senza esplosioni blues, ma con un tono introspettivo e avvolto su sé stesso.
L’effetto è spesso ipnotico, si tratti di trame terrigne e vischiose che sbocciano da un boogie impudente (la title track) oppure di retaggi grunge a spina staccata e sguardo torvo (Never Boulevard, scritta da Dandy Brown e John Garcia degli Hermano). In questo ambito che non lascia margini all’originalità, i due si concentrano sul grado di intensità, sullo starci dentro con la convinzione di chi questi codici li respira e perciò li domina con bella naturalezza, permettendosi ballate che stemperano vibrazioni rurali e inquietudine urbana (la notevole Singing Roads, col canto di Alice che ricorda un pungiglione Kate Bush), beccheggiando tra sensualità corrucciata (la ruspante Lonely) e malinconia carnale (quella Dance Floor come ti aspetteresti da una PJ Harvey più eterea).
Con la conclusiva Before Me il sostrato folk prende il sopravvento, tra pennellate di flauto e la voce che insegue moduli più tenui, tipo una Edie Brickell con la febbre Joanna Newsom, pur conservando un’impronta scabra di fondo, come un’irrequietezza irriducibile.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Caravaggio, Burri, Pasolini: la grande mostra al Mart

    • dal 9 ottobre 2020 al 5 aprile 2021
    • Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea
  • Torna il cineforum del San Marco

    • dal 22 settembre 2020 al 16 marzo 2021
    • Teatro San Marco
  • Al Muse una foresta di luce, da ascoltare

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2020 al 31 maggio 2021
    • MUSE - Museo delle Scienze di Trento
  • Trekking alla scoperta di Trento

    • Gratis
    • dal 8 gennaio al 28 febbraio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    TrentoToday è in caricamento