Economia Via Roma

I vignaioli dissidenti se ne vanno dal Consorzio e ne fondano un altro

La spaccatura era nata a marzo con l''aumento delle rese del Pinot grigio. Oggi l'associazione Vignaioli del Trentino diventa un consorzio, indipendente, ed avrà un punto vendita ad Aldeno. Una mossa che divide in due il mondo del vino trentino

Rottura irreversibile nel mondo del vino trentino che da oggi avrà un altro consorzio. I Vignaioli del Trentino, fino ad oggi riuniti in un'associazione che partecipava comunque al Consorzio Vini del Trentino, hanno fondato un consorzio a parte. Si chiamerà Consorzio Vignaioli del Trentino, ed avrà sede ad Aldeno, in una sala messa a disposizione dal Comune dove troverà spazio anche un punto vendita, che sarà inaugurato in autunno.

L'ala dei Vignaioli, da sempre "dissidente" all'interno del Consorzio Vini, aveva minacciato la scissione a marzo, quando era stata annunciata una modifica al protocollo sulle rese del pinot grigio, aumentate per rincorrere il successo veneto della doc Venezia. Una "svendita", che non era andata giù ai Vignaioli, una polemica finita appunto con la creazione del nuovo ente, che ovviamente si preannuncia in concorrenza con il vecchio Consorzio.

Oggi i soci hanno eletto il nuovo direttivo: Lorenzo Cesconi, già a capo dell'associazione, sarà il presidente, Nicola Zanotelli il vicepresidente, Clementina Balter, Devis Cobelli, Enzo Poli e Rudy Zeni  i consiglieri. "Per noi fare vino significa prenderci cura del nostro territorio, il vino dei vignaioli è di qualità, attento al terreno ed alla sua salubrità - spiega il presidente Cesconi - la nascita del Consorzio ci permetterà di agire in modo più strutturato per la promozione del nostro modello produttivo".


Tra gli obiettivi, descritti nello statuto, ci sono la promozione dell'artigianalità, i metodi di coltivazione biologici, l'adozione di disciplinari di qualità. Possono far parte del Consorzio solo aziende trentine, che svolgano al loro interno tutte le funzioni, dalla coltivazione alla commercializzazione. Il Consorzio aderisce alla Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vignaioli dissidenti se ne vanno dal Consorzio e ne fondano un altro

TrentoToday è in caricamento