Venerdì, 22 Ottobre 2021
Economia Nanno

In taxi in Val di Non per passare le vacanze (quando si potrà): metà corsa la paga l'Apt

Il presidente dell'Azienda di promozione turistica: "Un aiuto alle nostre imprese del settore"

In Val di Non in taxi: metà corsa la paga l'Apt. L'iniziativa, già sperimentata con successo durante l'estate 2020, è un incentivo a "raggiungere in tutta sicurezza la struttura in cui soggiornare", spiega l'Azienda di promozione turistica della valle trentina, e sarà riproposta non appena sarà possibile.

La formula non cambia: il servizio è rivolto esclusivamente ai residenti delle regioni vicine ovvero Veneto, Lombardia, ed Emilia Romagna. Sarà possibile raggiungere la valle a bordo di un taxi o di un pulmino 8 posti (c’è un apposito tariffario a disposizione degli operatori) partendo da Mantova, Trento, Verona, Bergamo, Venezia, Milano (Linate e Malpensa), Bologna, Brescia, Treviso, Padova, Vicenza, Piacenza, Ferrara, Firenze.

"Abbiamo deciso di riproporre il progetto –spiega il presidente dell’ApT Val di Non Lorenzo Paoli- visti i buoni numeri registrati la scorsa estate e l’apprezzamento di chi ha partecipato. Con questo intervento intendiamo dare un sostegno concreto ai nostri operatori e incentivare una mobilità sicura per chi decide di visitare la nostra valle".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In taxi in Val di Non per passare le vacanze (quando si potrà): metà corsa la paga l'Apt

TrentoToday è in caricamento