Lavoro somministrato, l'allarme della Cgil: in un anno in Trentino 42% in più

Nasce in via Muredei uno sportello per i "somministrati", identici ai dipendenti per mansioni ed orari, non nei diritti

Lavoro somministrato. Sembra quasi fare riferimento ad una dose omeopatica di lavoro il termine tecnico usato per definire i contratti di somministrazione. Una tipologia contrattuale sempre più utilizzata in Trentino, che rischia però creare non poca confusione riguardo ai diritti dei circa 8.000 lavoratori e lavoratrici che, in proviincia di Trento, rientrano in questa categoria. Anni fa nacque anche a Trento lo sportello Nidil, dedicato alle "nuove identità lavorative". 

Il segretario Nidil Gabriele Silvestrin lancia un allarme: "In un anno c'è stato un aumento del 42% certo, si  tratta molto spesso di lavoratori e lavoratrici giovani, ma non solo,  anche con professionalità elevate, inchiodati per anni a situazioni di  precarietà. I somministrati condividono lo stesso luogo di lavoro e gli stessi compiti con i dipendenti, ma sui posti di  lavoro si sentono come di serie B e la precarietà della loro condizione,  molto spesso, non li spinge a rivolgersi al sindacato”. Manifatturiero, alimentare, editoria e tessile i settori in cui si utilizza  maggiormente questa tipologia contrattuale.

Da oggi i "somministrati" possono rivolgersi allo sportello dedicato, aperto in via Muredei ogni martedì pomeriggio dalle 14.30 alle 16.30. E' stata aperta anche una casella  mail apposita: somministrati@cgil.tn.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto dello sportello coinvolge insieme a Nidil anche la Flai del  Trentino, per il comparto dell’industria alimentare, la Slc per  l’editoria e la Fiom per il manifatturiero. In vista del rinnovo del contratto nazionale, si prevede inoltre la  realizzazione di momenti di incontro pubblico con i lavoratori e  interessati sul tema dell'evoluzione della somministrazione. La  trattativa è bloccata da mesi, in particolare le agenzie vorrebbero  introdurre la formula dei contratti brevi, anche di un solo giorno. “Una vera e propria esasperazione della precarietà”, conclude Silvetrin.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento