rotate-mobile
Lavoro / Centro storico / Via Giuseppe Gilli, 4

Magazzinieri Sait, in arrivo un nuovo sciopero

Domani la protesta dei sindacati: "Il consorzio ha gestito la vertenza con l’unico obiettivo di tagliare i costi del lavoro"

Si avvia ormai a conclusione la vertenza per l’esternalizzazione del magazzino Sait. Venerdì mattina, 26 agosto, al servizio Lavoro è previsto l’ultimo incontro tra i vertici del consorzio e i sindacati. Si cercherà di trovare una mediazione che escluda i licenziamenti dei lavoratori (la quasi totalità) che non hanno accettato di cedere il loro contratto a Movitrento, la cooperativa che gestisce già parte del magazzino di via Innsbruck.

“Salvo colpi di scena l’epilogo è già scritto - ammettono con amarezza Filcams, Fisascat e Uiltucs, con Paola Bassetti, Lamberto Avanzo e Walter Largher -. E questo per responsabilità dei vertici Sait che hanno rifiutato ogni mediazione realmente percorribile e tutelante per i lavoratori portando avanti fino in fondo un disegno che più che alla riorganizzazione e all’efficientamento del magazzino, punta a tagliare i costi del lavoro”.

Per questa ragione questa mattina, martedì 24 agosto, in assemblea i lavoratori hanno proclamato per venerdì un’altra giornata di sciopero e saranno in presidio sotto la sede del servizio Lavoro, in Via Gilli 4, dalle 10 alle 12.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Magazzinieri Sait, in arrivo un nuovo sciopero

TrentoToday è in caricamento