menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sait sceglie un fornitore unico per il pane, l'Associazione Panificatori: "Siamo allibiti"

Azzeramento delle produzioni locali, un colpo basso a decine di aziende, ecco il commento dell'Associazione Panificatori

"Siamo allibiti": è questo il termine usato dall'Associazine Panificatori Trentini, in un comunicato ufficiale, pe commentre l'ipotesi avanzata da sait, il consorzio della distribuzione alimentare coopeativa trentina, di cambiare i contratti di fornitura per affidarsi ad una sola azienda, che fornirà il pane a tutti i punti vendita della catena. 

"Un fornitore unico significa meno scelta per il consumatore, una produzione standardizzata, l’aumento notevole del traffico, oltre a mettere in difficoltà decine di aziende e centinaia di addetti e lavoratori. A ciò si aggiunge il fatto che i consumatori del Trentino sempre di più sono alla ricerca della tradizione locale dei prodotti e lo dimostrano con la ricerca di queste specificità nei punti vendita" commenta il presidente del'associazione di categoria Emanuele Bonafini.

Dello stesso avviso la Confcommercio. Il presidente Giovanni Bort commenta: "Da anni spingiamo per valorizzare le produzioni locali. Alberghi, bar, ristoranti, negozi si fanno portavoce della qualità e della varietà del territorio, anche in un’ottica di marketing territoriale. La stessa Provincia ha investito, correttamente, molte risorse nella promozione dei marchi di qualità e nelle produzioni territoriali, molte delle quali riconducibili al mondo cooperativo. La scelta di acquistare da un fornitore unico è assolutamente in controtendenza con questi ragionamenti e con gli sforzi di un intero sistema territoriale". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento