Sait, 20 degli 80 licenziati saranno ricollocati nella Cooperazione

Firmato oggi l'accordo, i sindacati: "Ruolo centrale di Agenzia del Lavoro per il futuro di tutti i licenziati"

E' stato firmato questa mattina il protocollo d'intesa per la ricollocazione dei lavoratori licenziati da Sait. L'intesa, sottoscritta dalle parti sociali, Agenzia del Lavoro e Provincia con l'assessorato al Lavoro, dovrà attuare uno dei punti centrali dell'accordo sui licenziamenti del dicembre scorso, cioè la ricollocazione di almeno 20 degli ottanta esuberi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Già a dicembre con il sofferto accordo sui licenziamenti avevamo detto chiaramente che la vertenza Sait non si sarebbe chiusa con quella firma, ma avrebbe dovuto prevedere un importante impegno sul fronte della ricollocazione dei lavoratori – commentano i tre segretari generali di Cgil Cisl Uil del Trentino, Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti -. Con il protocollo di oggi la Federazione della Cooperazione si impegna alla ricollocazione stabile e a tempo indeterminato di almeno venti degli ottanta esuberi, ma è chiaro che l'obiettivo deve essere la possibilità di un rimpiego per tutti i licenziati, sotto la regia di Agenzia del Lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento