menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sait, M5S all'attacco: "Uso improprio della Cassa Integrazione"

Chiarezza sulla Cassa Integrazione nel consorzio cooperativo. Marini e De Gasperi: "Come mai mentre i dipendenti erano a casa si è registrato un aumento del 3% del lavoro?"

Chiarezza sulla vicenda Sait e sull'uso della cassa integrazione: il Movimento Cinque Stelle, che sul caso ha allertato anche il ministro Di Maio, torna a depositare un'interrogazione in Consiglio provinciale. Accuse pesanti da parte dei consigliri pentastellati Marini e De Gasperi: "Nei mesi scorsi al M5S sono giunte segnalazioni che inducono a pensare Sait abbia operato in maniera non conforme alla normativa che regola la Cassa Integrazione Guadagni Straordinari"

"A quanto pare - proseguono i due consiglieri - mentre le manovalanze regolari giacevano in cassa integrazione, all'interno dei magazzini Sait si verificava un aumento del 3-4% dell'attività della cooperativa Movitrento. In particolare nei primi 3 mesi del 2018 l'attività di Movitrento sarebbe aumentata quasi del 15% rispetto allo stesso periodo del 2017. Se ciò fosse confermato, risulterebbe che i dipendenti regolari stavano in cassa integrazione mentre Sait, a corto di manodopera, utilizzava una cooperativa per fare il loro lavoro".

Il sospetto dunque è che il consorzio cooperativo abbia preferito fare ricorso a lavoratori esterni, a loro volta impiegati dalla cooperativa MoviTrento, lasciando in cassa integrazione i propri. Con il cambio di Giunta, dopo le elezioni del 21 ottobre, il movimento Cinque Stelle torna a sottoporre la questione al Governo provinciale, ora guidato da Fugatti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento