Diritti di reimpianto dei vigneti: ultima possibilità

Via libera a nuovi vigneti: la Giunta provinciale, su proposta dell'assessore Dallapiccola, ha rieparto oggi i termini per le richieste di assegnazione dei diritti di reimpianto ancora disponibili. Per gli agricoltori si tratta dell'ultima possibilità: dal 1° gennaio 2016 entrerà in vigore un nuovo sistema di autorizzazione e  Non sarà più possibile cedere un diritto di impianto di vigneto ad altra azienda e non si assegneranno più diritti attraverso la Riserva provinciale. Per l’azienda che intende rinnovare un vigneto non ci sono sostanziali novità, ma le aziende che sono intenzionate a realizzare nuovi impianti di vigneto al posto di altre coltivazioni, dovranno essere autorizzate.

"Quest'anno - fa sapere l'assessore Dallapiccola - a coloro che hanno presentato domanda entro la fine di luglio sono stati assegnati, in base ad una graduatoria, circa 47,6 ettari sui 53,2 disponibili nella Riserva provinciale; restano dunque ancora disponibili, al prezzo di 0,35 euro al metro quadrato, circa 5,6 ettari, che sarebbe comunque un peccato non poter sfruttare." Le nuove domande dovranno pervenire al Servizio Politiche Sviluppo Rurale entro 20 giorni a partire da oggi; ulteriori richieste, da presentarsi entro l'11 dicembre, potranno essere eventualmente accolte qualora, esaurita la graduatoria delle nuove domande, vi sia una residua disponibilità di diritti di reimpianto. Il prezzo fissato per i diritti della riserva è di 0,35 euro al metro quadrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

Torna su
TrentoToday è in caricamento