rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Economia San Giuseppe / Via Calepina

Un referendum per abolire le aperture domenicali, lo chiede la Camera di Commercio

"Le aperture domenicali danneggiano la competitività e penalizzano le piccole aziende" a dirlo è il presidente della Camera di Commercio di Bolzano Michl Ebner che chiede alla Regione di presentare un'istanza di referendum per rivedere l'attuale liberalizzazione e chiedere la delega agli enti locali

Un referendum nazionale per abolire l'attuale normativa che liberalizza le aperture domenicali e festive dei negozi. A chiederlo non sono le organizzazioni sindacali ma i commercianti stessi. Viene infatti dalla Camera di Commercio di Bolzano la richiesta, inoltreta alla Regione, di presentare un'istanza per un referendum nazionale che intervenga sulla normativa delegando agli enti locali le competenze sull'apertura dei negozi. Secondo Michl Ebner, presidente dell'ente camerale altoatesino infatti "La liberalizzazione totale delle aperture domenicali e festive danneggia la competitività perché penalizza molte piccole aziende famigliari rispetto alle grandi organizzazioni del commercio al dettaglio. Nel regolamentare la materia è necessario rispettare assolutamente le specificità territoriali". Ebner sottolinea come già Abruzzo e Veneto si siano mossi in tal senso e assicura: "se aderiranno altre tre regioni il referendum dovrà essere effettuato". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un referendum per abolire le aperture domenicali, lo chiede la Camera di Commercio

TrentoToday è in caricamento